Confindustria nautica, cantieri e imprese riaprono il 4 maggio

di Valentina Cervelli Commenta

Anche il settore nautico si prepara a ripartire: come annunciato da Confindustria Nautica anche le industrie e i cantieri a essa legata riprenderanno l’attività il prossimo 4 maggio, partendo fin da ora con lo svolgimento di tutte le attività propedeutiche alla ripartenza.

Settore nautico pronto a ricominciare

Per garantire una ripresa in tutta sicurezza del comparto nautico è infatti basilare che ogni soggetto parte dello stesso sia in grado di garantire lo svolgimento del lavoro senza criticità sanitarie per tutti i suoi lavoratori e i potenziali clienti. Insomma, come annunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dal 4 maggio si potrà tentare di ritrovare una pseudo normalità anche in questo campo.

Ma per quanto riguarda il settore nautico è basilare sottolineare come sia importante per i cantieri poter rifare proprio, nonostante le difficoltà logistiche dettate dalla pandemia di Coronavirus, il concetto di “export“: la clientela a essi relativa è spesso internazionale e le imbarcazioni, una volta pronte, devono poter essere consegnate senza problemi.

Il Governo stesso ha deciso di darsi da fare in tal senso: con la nota 0005671 del 26 aprile, il Ministro della Salute, unitamente ai colleghi dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture e Trasporti hanno sottolineato al ministero competente, ovvero quello dell’Interno, che tra le “attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale che possono continuare l’attività” dovrebbero intendersi incluse quelle “orientate in modo prevalente alle esportazioni, il cui prolungamento della sospensione rischierebbe di far perdere al nostro Paese quote di mercato”, tra i quali figura anche il settore nautico. Forse il pressing delle scorse settimane da parte del comparto è stato in grado di lasciare il segno.

Burocrazia e decreti della ripartenza nautica

A livello tecnico i cantieri nautici possono, secondo il comma 3 dell’articolo 2 del DPCM 10 aprile 2020, cominciare a riaprire ma deve anche essere inviata una comunicazione al Prefetto competente per territorio in tal senso e in base al “Protocollo di regolamentazione per il contrasto a il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro” firmato lo scorso 24 aprile Confindustria nautica ha messo a disposizione un form specifico sul suo sito ufficiale, per tentare di velocizzare l’inevitabile burocrazia. Ha commentato il Presidente di Confindustria Nautica, Saverio Cecchi:

Abbiamo per i nostri lavoratori il massimo del rispetto, per questo ci siamo particolarmente concentrati nell’elaborare ogni elemento utile a offrire le necessarie misure di tutela individuale e di controllo sanitario e definire i protocolli da adottare con i sindacati e le rappresentanze aziendali. Ringrazio il premier, Conte, e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Mario Turco, per la grande attenzione dedicata al nostro comparto.

Un settore, che non va dimenticato, sostiene e non poco il Made in Italy e il turismo marittimo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>