Cannes Yachting Festival: Ferretti protagonista assoluto

di Valentina Cervelli Commenta

Il Cannes Yachting Festival ha sicuramente mostrato ancora una volta quanto il Gruppo Ferretti sia al top di quello che è il settore della nautica italiana e mondiale. Ad aver catturato l’attenzione in particolare ci hanno pensato due modelli: il Custom Line 120’ e Ferretti 670.

In poche parole il nuovo arrivato nella serie di imbarcazioni planant e quella varata per il 50esimo compleanno del cantiere. Va sottolineato prima di proseguire: si tratta di mezzi concepiti per differenti usi l’uno dall’altro, ma ciò non toglie che la cura impiegata nella realizzazione abbia portato a due yacht dalle diverse caratteristiche ma perfetti nel continuare a rappresentare lo stile del Gruppo Ferretti nel mondo.

Un gruppo che al suo interno contiene i seguenti marchi: Ferretti Yachts, Riva, Pershing, Itama, Mochi Craft, CRN, Custom Line e che presto potrebbe portare sotto la sua ala anche il brand Wally Yachts.

Per ciò che concerne il Custom Line 120’ come già sottolineato si tratta del nuovo nato della serie planante ed il primo ad essere firmato da Francesco Paszkowski: il suo design è aggressivo e dotato di una forte personalità. Uno dei suoi punti di forza consta nell’essere veloce ed al contempo essere dotato di un carattere tutto suo accentuato dalla sua luminosità. E’ stato infatti concepito per un’esperienza luxury di alto grado : 38 metri in grado di soddisfare qualsiasi tipo di armatore ed in particolare quelli sportivi.

Discorso differente va fatto per il Ferretti 670, che nasce come una barca celebrativa e che è la prima dell’architetto Filippo Salvetti per ciò che riguarda le linee esterne. Il suo punto di forza è quello di presentare caratteristiche che ci si aspetterebbe in grandi yatch e non su una barca di 20,24 metri. Incredibile la velocità: riesce con facilità a raggiungere i 32 nodi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>