Avanguardia, yacht a forma di cigno ispirato da Mazinga

di Valentina Cervelli Commenta

Sono modelli di yacht come Avanguardia che portano anche coloro che non sono mai saliti su una barca ad appassionarsi al settore nautico. Ma spieghiamo meglio: questo è il nome del nuovo megayacht progettato dal designer italiano Pierpaolo Lazzarini. Un’imbarcazione che per ora è solo un concept, che ricorda la forma di un cigno e che a quanto pare è stato ispirato da Mazinga.

Megayacht futuristico dalle linee incredibili

Ovviamente il progetto è stato pensato per essere pronto all’immediata costruzione. Si parla di uno yacht di 135 metri su cinque ponti dotato di una testa reclinabile. Ed è proprio quest’ultima il suo vero punto di forza. Essa avrà infatti due funzioni: opererà infatti come torre di controllo, ma allo stesso tempo sarà mini jet ausiliario di 16 metri capace di staccarsi dal collo. E’ questa l’idea che lo stesso designer ha spiegato aver preso da Mazinga, celebre manga ed anime degli anni ’70. A Mashable ha dichiarato testualmente:

Inconsciamente mi sono ispirato a Mazinga, con Tetsuya che si attacca al corpo di questo gigante per guidarlo.

Lo stesso “collo-ponte” è un forte richiamo al modo in cui il protagonista entrava all’interno del robot: di certo è da ammirare un concetto così estremo che già da solo giustifica il nome Avanguardia dello yacht.

Costruzione del collo la più impegnativa

Costruire il collo è senza dubbio la parte più impegnativa a livello ingegneristico. Pierpaolo Lazzarini ha pensato in linea teorica ad un “meccanismo, un carro gru a tre snodi con pompe elettro-idrauliche, che farebbero muovere la struttura. Ovviamente la barca secondaria deve essere il più leggera possibile, realizzata per esempio in composto o in fibra di carbonio“. Una idea che in caso di messa in produzione, potrebbe però subire delle modifiche, con molta probabilità a livello di design.

Avanguardia, almeno secondo il progetto presentato,  sarebbe in grado di raggiungere i 18 nodi di crociera senza difficoltà grazie ad una motorizzazione impegnativa, ovver grazie al motore centrale MTU Roll-Royce adibito alla spinta dell’imbarcazione e due ulteriori motori laterali chge renderebbero al gigante di 153 metri di sterzare. La velocità del cigno arriverebbe fino agli 8 nodi di crociera, sfruttando due motori più piccoli, ovvero due jet capsule già  ideati e venduti dallo stesso Lazzarini.

Avanguardia al momento è solo un concept davvero interessante e alla portata di ben pochi armatori. Se davvero il progetto fosse realizzato con i suoi cinque ponti, un garage, una piscina e due piste d’atterraggio per l’elicottero si arriverebbe a un totale di circa mezzo miliardo di euro di costo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>