Un’altra manifestazione oltre il Salone nautico a partire dal 2015

di Alba D'Alberto Commenta

Il Salone della nautica è un evento molto atteso da tutti gli appassionati del settore, anche se da diversi anni, per effetto della crisi e per l’incremento di prezzi per gli espositori e per i visitatori, ha subito un calo nelle visite.

Il 2014 sembra essere decisivo per il Salone di Genova che potrebbe essere il luogo della ripartenza dell’economia nostrana. Ma l’Ucina vuole andare oltre e lanciare un messaggio importante agli espositori e al Paese. Ecco allora che è salutato con piacere l’annuncio del progetto per dei nuovi eventi dedicati alla nautica che partiranno dalla primavera del 2015.

Il presidente Perotti ha dichiarato di voler far tornare Genova ad essere leader mondiale. L’Unione nazionale cantieri industrie nautiche ed affini vuol lanciare una settimana del mare nel 2015, in coincidenza con l’Expo.

Un evento da sfruttare per valorizzare le sinergie che sono già in essere, ma sono poco valorizzate, tra design, nautica, arte, sport, moda e lifestyle. Chiaramente il fine ultimo di questa operazione è quello di valorizzare e comunicare al mondo l’eccellenza del made in Italy.

L’Ucina ha capito che il Salone, così com’è pensato adesso, non può funzionare a lungo, ma deve essere rimpiazzato da un modello espositivo diverso. Genova sarà integralmente impegnata nella settimana del mare dopo il Salone nautico internazionale di ottobre, saranno coinvolti tutti e tre i porti.

Durante la settimana del mare ci dovrà essere la possibilità di esplorare il mercato straniero, valorizzando gli elementi di eccellenza del mercato nostrano; chi parteciperà all’evento dovrà avere la possibilità di vendere e comprare barche usate, noleggiare delle imbarcazioni, portare a casa della barche già pronte per la navigazione. La mostra potrebbe inoltre essere accompagnata da una manifestazione velica sportiva internazionale.

Un evento così complesso, arricchito anche da mostre e concerti, non è certo low cost, ma Perrotti è certo che il sostegno che il viceministro allo Sviluppo Economico ha detto di voler dare alla manifestazione, sarà senz’altro un finanziamento economico, utile a portare in Italia anche tanti investitori stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>