Registro Navale Italiano festeggia a Shanghai

di Redazione 469 views0

Spread the love

Il Registro Navale Italiano festeggia quest’anno il proprio 150° Anniversario: tra gli eventi organizzati per celebrare la ricorrenza, il più recente si è svolto a Shanghai, promosso in collaborazione col Consolato Generale d’Italia in Cina e con la Confitarma.

Nell’occasione, si è svolto un incontro tra i maggiori imprenditori italiani del settore dello shipping e player istituzionali e industriali provenienti da diverse province cinesi, tra i quali molti esponenti dei cantieri cinesi.

L’evento ha offerto l’occasione per creare una piattaforma di scambio informativo e di domanda-offerta tra armatori ed imprenditori di entrambi i paesi, ma anche esponenti del mondo finanziario, con l’intento di promuovere scambi e attrarre investimenti internazionali.

La missione di armatori italiani arrivati a Shanghai per l’occasione è stata accolta da Ugo Salerno, Amministratore Delegato del Gruppo Rina, dal Console Generale italiano a Shanghai, Vicenzo De Luca e dal Presidente di Confitarma, Paolo D’Amico, che hanno guidato la sessione dei lavori.

Salerno ha espresso la propria soddisfazione per la celebrazione dei 150 anni di storia del Registro che, con l’evento cinese, ha segnato anche il rafforzamento della collaborazione con i clienti locali.

Il Console de Luca ha sottolineato come il settore armatoriale costituisca una delle delle punte di diamante del sistema Italia che attraverso il Rina e tanti imprenditori coraggiosi, si fa sempre più apprezzare anche in Cina.

Negli ultimi anni le opportunità di cooperazione trai due Paesi nel settore sono in continua crescita: l’obbiettivo è di favorirla, alimentando l’interscambio.

Fondato a Genova nel 1861 per servire le esigenze del mondo marittimo, il Gruppo ha progressivamente ampliato i suoi campi di attività, diventando col tempo un soggetto multinazionale che oggi opera con successo in Cina e nei Paesi vicini; pur operando anche in latri settori (come industria e trasporti), il  core business del Gruppo è comunque rappresentato dal settore marittimo: la flotta classificata, alla fine dello scorso giugno era di 4.250 navi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>