Presantato ieri alla stampa il catamarano Alinghi 5

di Redazione Commenta

Alinghi, il Defender della 33a America’s Cup, ha organizzato ieri una conferenza stampa a Le Bouveret, in Svizzera per presentare Alinghi 5, il suo maxi catamarano.

La barca non è andata in acqua ieri a causa delle previsioni meteo contrarie, ma le prime uscite all’inizio di questa settimana sono state molto ricche di soddisfazioni: “Il primo giorno di navigazione di Alinghi 5 sul lago e le sue eccezionali prestazioni sono un tributo a tutta la squadra: prima di tutto ai progettisti – che hanno lavorato utilizzando la tecnologia e l’esperienza Svizzera in materia di multiscafi, insieme tutte le loro conoscenze tecniche – ma anche a coloro i quali hanno costruito la barca e ai velisti, che sono ora completamente concentrati nel rendere la barca il più veloce possibile. Il nostro primo giorno in acqua, volando su di uno scafo, è stato certamente uno dei più belli della mia vita” ha dichiarato Ernesto Bertarelli, presidente del team.

La navigazione e i test continueranno nei prossimi giorni fino alla celebrazione pubblica del 1° Agosto (festa nazionale svizzera) sul lago di Ginevra. L’evento prevede la presentazione del team prima della parata a vela da Losanna fino allo yacht club Defender, la Société Nautique de Genève. Nei giorni seguenti la barca sarà preparata per il trasferimento a Genova, in Italia, dove continuerà il periodo di allenamento.

“Questo progetto è sempre stato e continua ad essere mirato a lavorare con persone che sono socialmente e intellettualmente pronte a sfide ed esperienze uniche nel loro genere. Non è fatto per chi vuole vincere nelle aule di giustizia. L’obiettivo è quello di realizzare la barca più veloce in acqua con il miglior team e con la migliore tecnologia possibile. Per questo motivo eravamo e siamo orgogliosi di quello che facciamo” ha concluso Bertarelli.

A fianco di Ernesto Bertarelli, nel corso della conferenza stampa, sedevano Grant Simmer, coordinatore dei progettisti del team,; Murray Jones, uno dei velisti del team responsabile di questa fase dei test in acqua e Patrick Aebischer, presidente di EPFL, consulente scientifico di Alinghi.