Dopo due eventi di grande interesse e successo in Italia e Francia, la Quebramar GP42 Cup arriva in Spagna per la prima volta nella stagione 2008. Per un buon numero dei velisti impegnati nell’ormai tradizionale appuntamento del Trofeo de la Reina, le acque di Valencia saranno un terreno assai famigliare. In effetti, il campo di regata è lo stesso che ha ospitato la 32ma America’s Cup.

Difficilissimo identificare a priori un favorito per questo evento, come ha dimostrato anche l’appuntamento precedente alla Rolex Giraglia, e la storia sarà tutta da scrivere. E, forse, i velisti nostri connazionali cercheranno una rivincita ai risultati dei campi di calcio di Euro 2008 contro gli iberici.

Gli spagnoli di Desafio si presenteranno sulla linea di partenza con un’indiscutibile vantaggio, avendo passato proprio nelle acque valenciane moltissime ore in regata o in allenamento. Laureano Wizner e Santi Lòpez-Vasquez, rispettivamente timoniere e tattico del team, conoscono il campo come le loro tasche. Tuttavia il livello tecnico della classe GP42 è in costante aumento, e anche il minimo errore può costar caro.

Gli italiani di AIRIS, dell’armatore Roberto Monti, grazie alla continuità e alla concentrazione che ha valso loro la bella vittoria nella Giraglia , si trovano attualmente al secondo posto nella graduatoria generale ma non potranno certamente star tranquilli visto che a pari punti si trova anche il giovane equipaggio di Canarias Puerto Calero, non meno desideroso di portare a casa la prima vittoria di tappa della stagione.

E che dire degli svizzeri di Near Miss? Benchè quarto nella classifica generale il team guidato dall’asso francese Bertand Pacè sarà sicuramente uno dei più ostici, non solo per le ottime prestazioni che ha fatto registrare finora ma anche perchè, solo una settimana fa, è stato protagonista di una perentoria affermazione in un evento a Castellon a sole 50 miglia a nord di Valencia, vincendo ben cinque regate su sette.

La classifica è, come detto, cortissima, tanto che gli elvetici sono inseguiti a soli due punti da MADRID, guidato dall’olimpionico spagnolo José Maria Van der Ploeg, che ha già dimostrato un ottimo potenziale e che aspetta l’occasione giusta per salire sul podio.

Forse Valencia sarà anche il territorio dove potrà trovare una nuova scintilla l’altro equipaggio italiano di Roma GP42.2. La nuova barca, scesa in acqua solo qualche mese fa e timonata dal nostro migliore match-racer, il napoletano Paolo Cian, ha avuto qualche rallentamento a inizio stagione, ma non ha mai smesso di lavorare per migliorare e, come succede per gli spagnoli, anche questo equipaggio conosce a menadito il terreno di gioco, provenendo in gran parte dal challenger sudafricano Shosholoza.

Ci saranno anche due equipaggi “debuttanti” nel circuito 2008, Caser-Quum dell’armatore Javier Goizueta, che correrà con un equipaggio completamente composto da atleti andalusi guidati dallo skipper Sergio Llorca, e Fermax, la barca di Daniel Maestre, il cui team è invece totalmente valenciano e che ha preso parte al circuito dello scorso anno.

Il Trofeo de la Reina Rolex Cup è organizzato dal Real Club Náutico de Valencia e gode della sponsorizzazione di Rolex. La competizione prenderà il via venerdì 11 luglio per concludersi domenica 13 luglio. I partecipanti alla Quebramar GP42 Cup potranno disputare fino a un massimo di nove prove, tre al giorno, sempre corse su percorso a bastone. Il primo colpo di cannone verrà dato alle 14.30 dell’11 luglio mentre nei giorni successivi le regate avranno inizio a mezzogiorno.

Il calendario della Quebramar GP42 Cup prevede poi altri tre eventi: la Copa del Rey AUDI MAPFRE a Palma di Maiorca (dal 26 luglio al 2 agosto); il Trofeu Quebramar-Chrysler nella località portoghese di Cascais (dal 28 al 30agosto); e il gran finale, il Trofeo César Manrique a Puerto Calero nelle affascinanti isole Canarie (dal 16 al 18 ottobre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>