Si è conclusa la seconda giornata di regata per i quaranta scafi della Maxi Yacht Rolex Cup 2008 organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con la International Maxi Association (IMA). L’alta pressione che insiste sul Mediterraneo ha generato brezze leggere fino alla fine della mattinata inducendo il Comitato di Regata a posticipare di due ore la partenza. Un vento termico di circa 10 nodi proveniente da est ha consentito lo svolgersi della gara che ha goduto di un successivo aumento di vento, giunto fino a 16 nodi d’intensità.

I due percorsi designati, uno di 25 miglia riservato alle classi Racing e Wally e uno di 17 miglia per le classi Mini Maxi e Cruising, hanno avuto in comune il passaggio tra Capo Ferro e l’Isola delle Bisce verso la prima boa, posta alla Secca Tre Monti, e il bordo di bolina verso gli isolotti Monaci. Prima di giungere al traguardo nel Golfo del Pevero, i Racing e i Wally hanno dovuto virare intorno allo scoglio di Mortoriotto. Prestazione vincente in tempo compensato per il maxi statunitense Rambler che oggi ha battuto il superfavorito Alfa Romeo. Rambler (nella foto), di lunghezza inferiore di tre metri rispetto all’avversario neozelandese, ha beneficiato anche del valente tattico neozelandese Ray Davies. Rambler guida dunque anche la classifica provvisoria overall.

Tra i Mini Maxi replica la prima posizione lo scafo statunitense Numbers, che dopo la vittoria di ieri è stato costretto ad un alaggio di emergenza per riparare a un’avaria. Tuttavia, stamattina era già in acqua ed il suo timoniere Ernesto Bertarelli lo ha portato a conquistare il primo posto di una competizione di classe agguerrita sin dal passaggio della prima boa, dove le barche sono arrivate in gruppo sotto gennaker ed hanno ingaggiato una lotta serrata sui lunghi bordi di bolina. Seconda posizione per Alegre di Andres Soriano che precede Rosebud/ Team DYT.

Veloce e compatta la flotta dei Wally che ha avuto in testa fino al termine della corsa i tedeschi di Y3K battuti in tempo compensato da Open Season, il 28,55 metri tedesco la cui vittoria odierna non è comunque sufficiente a raggiungere il primo posto della classifica overall, ancora dominata da Magic Carpet 2 di Lindsay Owen Jones. Due i J Class che occupano i vertici della classifica di classe Cruising: l’imponente Ranger, replica fedele dell’omonimo scafo inglese del 1937, ha avuto la meglio su Velsheda e sul 28 metri Bristolian, il quale in classifica overall lascia il posto a Hetairos. Anche per giovedì le previsioni sono di venti meridionali di moderata intensità. Ma l’escursione termica delle ore centrali del giorno non mancherà di favorire l’arrivo di brezze più fresche a beneficio degli equipaggi impegnati in questa diciannovesima edizione della Maxi Yacht Rolex Cup.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>