Jacques Vabre, Telecom Italia di nuovo in testa!

di Redazione Commenta


Ce l’hanno fatta. Stanotte Giovanni e Pietro sono riusciti a passare nel canale tra Ouessant e la punta della Bretagna: un tratto di mare insidiosissimo, pieno di scogli, che mette a dura prova le capacità dei più esperti marinai. Tanto che quasi tutta la flotta dei Class 40 (formata per la maggior parte da navigatori francesi che conoscono molto bene quelle zone) è passata all’esterno. Così al terzo giorno di regata Telecom Italia è di nuovo in prima posizione.

Nel collegamento telefonico delle 10 e mezza, Giovanni spiega così la sua scelta: “Abbiamo rischiato e c’è andata bene. Quando ci siamo ritrovati quattordicesimi per mancanza di vento io e Pietro abbiamo pensato che valeva la pena di tentare il passaggio nel canale di Ouessant. E’ stata una notte molto dura, siamo passati in bonaccia tra gli scogli, con una corrente fortissima. Non abbiamo chiuso occhio, anche perché abbiamo continuato ad avere problemi con le alghe che si impigliano nella deriva e nei timoni. Non so quante volte abbiamo tirato giù lo spi e fatto retromarcia per liberarci. Ci siamo organizzati con una stecca per pulire le pale dei timoni. Stanotte ci siamo perfino incastrati tra due nasse di un peschereccio. Adesso stiamo andando di poppa con vento leggero, a 6-7 nodi di velocità, rotta 170°. A bordo il morale è alto. Sono io il cuoco, ho appena fatto a Pietro un ottimo riso integrale con tonno e limone. Non vedo l’ora che il vento rinforzi: con un po’ più di vento la nostra barca taspa come una iena”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>