Glastron GT 160 B, il motoscafo di James Bond in edizione limitata

di Giulia Commenta

Con il ritorno di James Bond al cinema mi ritornano in mente i mezzi di trasporto che l’agente segreto 007 ha condotto in 50 anni di missione. Dopo le automobili, il motoscafo è sicuramente il veicolo preferito per fuggire o lanciarsi all’inseguimento di qualche criminale.

Come non dargli torto, visto che in mare non c’è barca più veloce e manovrabile di un Glastrom GT 160 CB, il motoscafo utilizzato nel film Vivi e lascia morire (1973) in cui il nostro agente fugge in una palude inseguito dagli scagnozzi di Mister Kananga.

Quella è una delle scene cult della storia del cinema soprattutto per lo spettacolare salto di 30 metri del motoscafo che atterra sulla macchina dello sceriffo.

Il cantiere nautico del Michigan ha da poco rilanciato una limited edition per rendere omaggio alla GT 160, protagonista di quei 13 minuti di adrenalina pura. Molti dei particolari sono fedelmente riproposti, mentre altri, come i parabrezza laterali sono stati tolti per questioni di aerodinamica. Rimane però il forte appeal che la fa assomigliare a una macchina da corsa (vi ricorda la monoposto di Niki Lauda?) e il carattere votato alla velocità e alla guida estremente divertente.

Solo 55 fortunati potranno avere questa anniversary edition proposta in quattro combinazioni di colori differenti: bianco e rosso, bianco e arancio, bianco e blu e bianco e nero. Ogni barca verrà numerate e arrecherà la targa del suo proprietario. E’ previsto però anche il lancio di una produzione in serie.

Il motoscafo è spinto da un potentissimo motore fuoribordo Evinrude E-TEC 115. Non è quello del film che ha 85 cavalli in più che fu appositamente istallato per permettere al Glastron GT di compiere un salto da guinnes of record di 30 metri. E’ disponibile anche una motorizzazione inferiore di 75 cavalli ma sicuramente non assicura le emozioni di guida del 115.

Lo scafo, inclinato a poppa di 17°, garantisce un ottima aderenza ma al contempo permette una manovrabilità fuori dal comune grazie alla timoniera idraulica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>