Sanlorenzo 46 Steel, varato il secondo esemplare

di Redazione Commenta

Sanlorenzo, il prestigioso cantiere italiano che da oltre 50 anni produce imbarcazioni realizzate su misura secondo lo stile e le esigenze di ogni singolo armatore, ha varato il secondo esemplare di Sanlorenzo 46 Steel, primo megayacht Sanlorenzo in acciaio, finalista ai World Superyacht Awards 2011 organizzati dal magazine Boat International.
Il Sanlorenzo 46 Steel con i suoi 46 metri di lunghezza è la nuova ammiraglia della flotta Sanlorenzo. Lo scafo, dislocante, è in acciaio mentre la sovrastruttura a tre ponti in alluminio.
Per le imbarcazioni di così grande tonnellaggio, il varo avviene tramite una piattaforma che, scendendo a livello del mare, accompagna la discesa dello yacht.

Le accattivanti linee esterne, progettate per dare grande luminosità agli interni, sono coerenti con la filosofia progettuale della linea di “navette” Sanlorenzo, di cui oggi il 46 Steel rappresenta la loro evoluzione oltre i 38 metri. Una perfetta continuità con i due modelli in materiale composito appena varati ‐ SD92 e SD122 ‐ ben visibile anche dal design delle ampie finestrature che corrono sulle fiancate del main deck e che, ininterrotte sull’upper deck, si chiudono con il tradizionale “baffo” sulla parte poppiera della sovrastruttura.
La stazza lorda del 46 Steel è contenuta entro le 499 tonnellate, per rimanere al di sotto della normativa SOLAS.
Nell’ampia zona di poppa si trova il Beach Club, un’area fitness completa di attrezzature per la ginnastica e il relax (SPA) con bagno dedicato. Il Beach Club si affaccia su una piattaforma di poppa posizionata a livello del mare dalle dimensioni eccezionali, progettata su un unico livello senza la presenza di gradini. Dal main deck è possibile accedere al Beach Club attraverso due comode scale: esternamente dal pozzetto e internamente dal salone.
Per consentire di sfruttare a pieno quest’area, il garage del 46 Steel, ampio e in grado di ospitare un tender di grandi dimensioni, è stato posizionato trasversalmente a prua del Beach Club e progettato con apertura laterale.
Un’importante novità del 46 Steel, presente per la prima volta in uno scafo di questa lunghezza, è rappresentata dall’under lower deck, un quinto ponte situato sotto il lower deck. Esso è costituito da un tunnel centrale che attraversa tutta l’imbarcazione da poppa a prua, dove sono state posizionate le zone tecniche (i locali pinne stabilizzatrici, bow thruster e macchinari) e di servizio (la lavanderia, con 3 lavatrici e 3 asciugatrici, il banco stiro e la zona refrigerazione con freezer e celle frigo).
Questo tunnel, solitamente angusto anche in megayacht di maggiori dimensioni, sul 46 Steel è stato realizzato ad altezza uomo, anche per consentire facilità di controllo e manutenzione per tutti gli impianti. L’under lower deck ha un accesso ulteriore alla sala macchine per permettere al Direttore di Macchina di ispezionarla senza dover risalire al ponte superiore, dove alloggiano gli ospiti. Il Sanlorenzo 46 Steel ha 2 motori CAT 3512B x 2.040 mHP (1.500 kW) a 1.600 rpm, con una velocità massima di 17 nodi, una velocità di crociera di 15 nodi e un’autonomia a 12 nodi di 4.000 nm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>