Vela terapia sul Lago di Garda con il progetto ‘Itaca’

di Redazione Commenta

Farà tappa alla Canottieri Garda, con una veleggiata in notturna la sera del 24 luglio, “Itaca“, il progetto nato all’interno delle Unità Operative di Oncologia Medica e di Ematologia dell’Ospedale Civile di Brescia, con l’obiettivo di unire l’importanza del processo riabilitativo alle potenzialità della barca a vela. Quest’iniziativa si propone di aiutare la persona a trasformare un’esperienza drammatica in un’opportunità di crescita e a fare in modo che la malattia non rimanga il centro della vita, ma ne diventi un punto di partenza, per attivare nuove risorse e per dare corpo alla speranza. L’idea del progetto è venuta inizialmente ad un paziente dell’Ospedale Civile di Brescia, Andrea Zani, ed è stata poi realizzata ed attuata da un gruppo congiunto di operatori sanitari; le loro rispettive competenze, in ambito sanitario ed in quello legato all’esperienza del veleggiare, sono venute a confrontarsi e fondersi, in un lavoro sinergico. Il progetto offre ai pazienti uno stimolo a vivere meglio, anche quando, dopo un momento particolarmente difficile della vita, a seguito della malattia, fisicamente non si è più quelli di prima ed offre ai membri dell’equipe la possibilità di relazionarsi in un contesto extra ospedaliero con i pazienti e allentare il carico di tensione che il contesto lavorativo spesso induce (prevenzione ed eventuale intervento sul burn-out).

Per questa estate 2009 la serie degli appuntamenti si è aperta al Circolo Vela Gargnano dove si è svolta una veleggiata nelle acque del Parco Alto Garda del bresciano, tra Bogliaco e Gargnano mentre quasi 90 imbarcazioni si affrontavano nella regata della Gentlemen’s Cup, il campionato internazionale degli skipper-armatori. Il 7 giugno “Itaca” era a Peschiera, lungo la sponda veneta del Benaco; il 20 giugno a Garda, l’11 luglio prima al porto di Garda Blu con i soci del Circolo Nautico Portese e il 12 luglio a Bardolino. Infine il 13 settembre sarà a Desenzano alla Fraglia Vela. C’è stato poi un tour lungo la Penisola a bordo degli 80 piedi (24 metri di lunghezza) dei GrandMistral di “Campione Sailing” salpato da Genova per arrivare a Venezia in concomitanza con la giornata nazionale dell’Ail, l’Associazione Italiana contro le Leucemie ed i Linfomi. A bordo oltre pazienti, medici e skipper, i c’erano microfoni di “Caterpilar” di Radio Rai e le telecamere di “Sky”.