Carlo Croce è l’ottavo Presidente della Federvela

di Redazione Commenta

Spread the love


Il nuovo Presidente della Federazione Italiana Vela è Carlo Croce, genovese, 63 anni, Presidente dello Yacht Club Italiano. Lo ha eletto la quarantaquattresima Assemblea FIV riunita a Genova con un risultato proclamato intorno alle 16 di sabato 13 dicembre: su 615 schede valide i voti per Croce, unico candidato alla carica dopo il ritiro della candidatura da parte del presidente uscente Sergio Gaibisso, sono stati 532, le schede nulle 0 e le bianche 83. Carlo Croce è così l’ottavo presidente nella storia della Federvela.

Subito dopo la proclamazione del risultato, accompagnata da un lungo applauso, Carlo Croce ha parlato all’Assemblea: “Sono emozionato e felice, è stata un’onda, credo che abbiamo raccolto una grande voglia di cambiamento. Un pensiero particolarissimo voglio inviarlo a Sergio Gaibisso, soprattutto di pronta guarigione. Davanti a uno come lui, che è stato 45 anni in Federazione e ha dedicato una vita alla vela, non si puo’ fare altro che togliersi il cappello. La FIV che vorrei è agile, leggera, non burocratica, con un migliore contatto con la base. Auguro buon lavoro ai nuovi consiglieri e grazie a tutti.”

Un’attenzione particolare il neo-presidente della vela azzurra ha voluto rivolgerla al CONI e al Presidente Gianni Petrucci: “Il presidente Petrucci è un amico di vecchia data, dai tempi in cui mio padre Beppe era vicepresidente del CONI. Oggi lo sport vive come tutta la società le difficoltà della situazione economica: occorrerà un grande impegno per mantenere le risorse necessarie alle attività sportive e a far crescere le basi. E’ un lavoro che conto di fare con Gianni Petrucci nei prossimi anni”.

Figlio di Beppe Croce, che negli anni sessanta e settanta fu a lungo presidente della federazione velica italiana e internazionale, Carlo Croce è nato nel 1945. Sposato, due figli, è stato atleta della vela negli anni Settanta, partecipando a due Olimpiadi con la classe Flying Dutchman (Monaco-Kiel 1972 (11°) e Montreal-Kingston 1976 (16°, in entrambi i casi con il prodiere toscano Luciano Zinali). Con la stessa classe FD vanta un 5° posto al Mondiale del 1975 e una medaglia di bronzo ai Giochi del Mediterraneo del 1974. Numerose anche le sue partecipazioni nell’altura, comprese Admiral’s Cup e One Ton Cup. In Coppa America è stato project manager della prima sfida dello YCI, il Consorzio Italia nel 1987, e quindi Presidente dello Yacht Club Italiano dal 1997 a oggi.

Il primo presidente della Reale Federazione Italiana Vela fu Luigi Amedeo di Savoia Duca degli Abruzzi, dal 1927 al 1933. Dal 1933 al 1941 gli successe il barone Alberto Fassini Camossi, e dal 1941 al 1945 il capitano Antonio N. Cosulich. Nel novembre del 1946 a Firenze nacque l’Unione delle Società Veliche Italiane (USVI), presieduta fino al 1956 dal marchese Paolo Pallavicino. Dal 1957 al 1964 il presidente fu Beppe Croce (papà di Carlo). Il 5 dicembre del 1964 l’USVI ha preso l’attuale denominazione di Federazione Italiana Vela, membro del CONI e dell’IYRU (International Yacht Racing Union, l’attuale ISAF, la federazione internazionale della vela). Croce ne è stato presidente fino al 1980. Quindi, dal 1981 al 1988 è stato presidente Carlo Rolandi. Dal 1989 al 2008 la FIV è stata presieduta da Sergio Gaibisso.
(da federvela.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>