Thomas Coville e il Maxi Sodeb’O in stand-by a Brest!

di Redazione 278 views0

Spread the love


Thomas Coville e il suo equipaggio hanno raggiunto mercoledì sera, alle 18.30, il porto di Brest, dove il trimarano attenderà la finestra meteo ottimale per salpare e tentare di battere il record del giro del mondo attualmente detenuto da Francis Joyon in 57 giorni, 13 ore, 34 minuti e 06 secondi. Navigare in solitaria a bordo di un grande multiscafo richiede abilità del tutto particolari, padroneggiate solo da una manciata di uomini e donne in tutto il mondo. Su queste barche, la velocità crea tanta adrenalina quanto stress, e l’optimus è dato dal raggiungimento del perfetto equilibrio tra la velocità e la soglia del rischio. Dalla fiducia del marinaio, nasce la velocità della barca.

E’ passato un anno dal primo tentativo di giro del mondo, e Thomas Coville ha avuto modo di affinare ed evolvere il suo modo di condurre il trimarano, lungo 105 piedi. “Ho sviluppato un modo di utilizzare la barca diverso rispetto a quello che avevo con i 60 piedi – racconta Thomas – Esito meno a lanciare in velocità il mio Sodeb’O. La barca è più leggera e accetta più superficie velica rispetto a quella che osavo mettere prima, in certe condizioni. Fisicamente è perfettamente gestibile… ma ovviamente più veloce!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>