Alinghi ha ricevuto la lettera di Larry Ellison e rileva che BMW Oracle Racing (BOR) è ritornato sulle sue posizioni di un anno fa, motivo per cui nessun progresso è stato ancora realizzato al momento. Alinghi aveva sperato che a seguito dell’annuncio di questa settimana sulla riapertura delle iscrizioni per la 33° America’s Cup e il rilancio di una serie di incontri tra i partecipanti all’evento per affrontare i piani per il futuro e la progettazione di una nuova classe di imbarcazioni, BOR decidesse di ritirare la causa legale che sta bloccando l’evento nelle aule di giustizia di New York e si unisse ai challenger già iscritti per costruire insieme una 33a America’s Cup di successo.

Mentre Ernesto Bertarelli continua a sperare che, piuttosto che utilizzare l’ufficio stampa e quello legale, di BOR, Larry Ellison voglia riprendere a dialogare personalmente per trovare una soluzione all’attuale impasse, sembra evidente che BOR continui a credere nella sua strategia legale. In conseguenza di ciò, Alinghi rende nota la risposta di Ernesto spedita oggi. Nel frattempo i challenger già iscritti hanno risposto molto favorevolmente all’invito per i prossimi meeting che inizeiranno la prossima settimana. Anche per questo motivo tutti noi siamo impazienti di riportare l’America’s Cup in acqua il più presto possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>