Melges 20 mania, grande successo per l’ultimo nato di casa Melges

di Redazione Commenta


E’ sceso in acqua da soli 4 giorni ed ha già riscosso grande successo da parte di armatori, dilettanti, mini skipper, ragazze e professionisti: questo è il Melges 20, l’ultima creatura di Melges Performance Sailboats distribuita in Europa da Melges Europe, società di cui Federico Michetti ne è l’Amministratore delegato. Design accattivante, disegnata da Reichel Pugh, costruita da McConaghy Boats, capace di dare un’esperienza di vela sofisticata, il Melges 20 corona l’esigenza di una barca da regata compatta, ma allo stesso tempo spaziosa, veloce e curata minuziosamente in ogni singolo dettaglio. Una barca semplice da armare, con un piano di coperta pulito e materiali high-tech: bompresso e albero sono infatti in carbonio. Barca ed armo sono rigorosamente one design.

E’ una barca disegnata anche per avvicinare alle alte performance dei prodotti Melges giovani, donne e semplici appassionati. Esaudirà la necessità di un’esperienza di vela capace di forti emozioni, divertente e contemporaneamente semplice da portare. Rappresenterà il top nella fascia di barche da regata di 20 piedi. Non è prevista alcuna restrizione circa il peso dell’equipaggio, che può essere composto tra due e quattro persone. Il Melges 20 unisce il miglior studio di progettazione navale all’esperienza del miglior costruttore di scafi one design leggeri e performanti: questo è Melges Performance Sailboats ed i risultati non possono che essere eccellenti.

Dopo dodici mesi di attesa, ore ed ore di lavoro, il Melges 20 ha toccato l’acqua per la prima volta lunedì scorso. In Italia sono arrivate le prime due barche, ITA 104 e ITA 105, già vendute prima che fossero ancora consegnate, le uniche al momento disponibili in Europa, mentre le richieste da tutti i Paesi europei continuano ad arrivare numerosissime. Per l’occasione, direttamente da Chicago, è arrivato anche il Presidente di Melges Performance Sailboats, colui dal quale prendono il nome le stesse barche: Harry Melges, figlio d’arte, visto che suo padre è niente popò di meno che Buddy Melges. Tre giornate di prove, a Malcesine sul Garda, per assicurarsi che tutto funzioni ed oggi la possibilità per i giornalisti italiani di provare in anteprima l’ultimo gioiello di casa Melges.

A fianco di Federico Michetti, sono scesi in acqua il Campione del Mondo 2008 classe Melges 24, Lorenzo Bressani, il velista italiano che vanta probabilmente uno dei migliori palames nelle classi monotipo, che assieme a Gabriele Benussi, Daniele Cassinari e Giorgio Tortarolo sono stati tra i primi velisti professionisti a provare questa nuova ed emozionante barca. Va comunque ricordato che al timone del Melges 20 dovrà esserci rigorosamente un velista non professionista!

Quello incontrato oggi è un Federico Michetti, A.D. di Melges Europe, molto soddisfatto che commenta così l’arrivo del tanto atteso Melges 20: “Ero preoccupato perché come spesso capita le aspettative e le lunghe attese possono rivelarsi delle delusioni, fortunatamente questo non è successo. Tutte le persone che sino ad oggi l’hanno provata, sono rimaste a dir poco entusiaste. Il Melges 20 è il concentrato di anni d’esperienza e passione. Sino ad ora 30 le persone che tra domani e domenica hanno prenotato e confermato il loro test…direi una Grande Soddisfazione!”

Questo il commento a caldo di Lorenzo Bressani: “Nonostante il vento non fosse quello bello teso caratteristico dell’alto Lago di Garda, comunque sia oggi siamo riusciti a fare delle belle planate. Questo soprattutto grazie all’imponente superficie velica: una randa square top modello Coppa America, molto allunata alla quale, nelle andature portanti, si aggiunge un importante gennaker caratteristiche che rendono questo monotipo molto veloce, senza aver nulla da invidiare alla sorella maggiore, il Melges 24. Un’altra caratteristica di questa barca è che l’equipaggio, per regolamento, non può sporgersi con le gambe fuori dalla falchetta, ma deve tenerle all’interno del pozzetto; il tutto per facilitare e rendere meno impegnativo il modo di navigare.”

Ieri al timone di ITA 105 un giovanissimo, non ancora dodicenne, Matteo Pilati mini skipper del Circolo Nautico Brenzone, un piccolo campioncino che nella stagione 2008 ha saputo aggiudicarsi nella categoria Cadetti, il Meeting del Garda, l’Optimist d’Argento e l’Optimist d’Autunno entrambi eventi disputati a Torbole. Difficile farlo scendere dalla barca, ma una volta a terra, raggiante, ha dichiarato: “La barca è molto veloce, molto sensibile e reattiva. Con il gennaker è spettacolare. Sarebbe molto divertente navigarci in compagni degli amici. Non vedo l’ora che arrivi il 20 marzo (data del mio 12esimo compleanno) per poter regatare in Melges 20!”

Riguardo al suo equipaggio tipo per il Melges 20 Matteo ha detto: “Io al timone, Luca Modena alla tattica, mio papà al gennaker e Valerio [il suo allenatore] è al fiocco. Questo sarebbe il super equipaggio dei miei sogni”. In ultimo, ma una pedina importantissima di Melges Europe, al fine di soddisfare appieno i suoi clienti, c’è Giorgio Tortarolo, responsabile del service Melges, è colui che si occuperà di ricevere le barche da McConaghy Boats, le assemblerà, armerà e preparerà per la consegna al cliente. La Melges service, come ha già fatto per gli armatori del circuito Melges 32, fornirà un’assistenza a 360° che includerà oltre alla preparazione della barca anche l’organizzazione logistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>