Tommy Hilfiger (Randy Smyth-Usa) e Clandesteam (Daniele Larcher – Italia) vincono le due Centomiglia del lago di Garda

di Redazione Commenta

Spread the love


Chiusura in bellezza per la quasi 300 imbarcazioni che hanno partecipato sul Garda alla 58a edizione della Centomiglia e alla 3a MultiCento-Trofeo Giorgio Zuccoli. La vittoria tra i monocarena è andata a “Clandesteam” dello skipper di casa Daniele Larcher. La vittoria di “Clandesteam” è arrivata dopo una penalizzazione inflitta dalla Giuria Internazionale allo scafo tedesco “Wild Lady” che per prima aveva tagliato il traguardo. Il “penalty” (una sorta di fuorigioco millimetrico in partenza) è costato allo scafo del lago di Costanza anche il secondo posto andato all’armo Ungherese “Principessa” che aveva a bordo l’ex campione del mondo dell’olimpica Star, il veneto Roberto Benamati. Tra le classi cabinate affermazione nel trofeo Beppe Croce per “Mediatel” di Paolo Masserdotti, altro skipper del Garda. La flotta Asso 99 ha visto il primo posto del bresciano Beppe Cavalli, la classe Protagonist di Marco Schirato, nei Dolphin 81 il desenzanese Gio Pizzati.

La Multicento, alla sua terza edizione e con un nuovissimo trofeo dedicato al compianto Gorgio Zuccoli, ha premiato il catamarano “Tommy Hilfiger” condotto dallo statunitense Randy Smyth che ha chiuso primo davanti a tutti. Tra gli altri Multiscafi il trentino Matteo Marega si è imposto nella classe dei 30 piedi, mentre il tedesco Bernard Doerfler è stato il più veloce tra i 20piedi davanti a Stimpfl-Taddei, skipper del Circolo Velico Trentino di Torbole. In gara in una prova senza classifica c’erano anche nella CentoPeople i progetti di vela terapia. La prova è stata caratterizzata da venti leggerissimi. L’ultimo, il piccolo Crociera “Giò” di Noventa, è giunto sul traguardo dopo quasi 24 ore di navigazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>