I Mondiali di Motoscafi Radiocomandati tornano in Italia

di Redazione 1.818 views3

Spread the love


Sarà il laghetto di Castelletto di Leno (Brescia) ad ospitare il Campionato del Mondo 2008 di modellismo navale dinamico (ovvero radiocomandato) per la categoria motoscafi da competizione con motore a scoppio (Sezione FSR). La competizione durerà due settimane, dal 2 al 16 agosto. L’Italia dovrà difendere i due titoli mondiali, conquistati dai milanesi Mauro Braghieri (Cat. Fsr-V 15cc) e Alessandro Oldini (Cat. Fsr-O 35 c.c.) nell’edizione ospitata in Norvegia nel 2006.

Si tratta di un evento storico per questa disciplina in Italia. La rassegna iridata ha cadenza biennale e torna, infatti, nel nostro Paese ventidue anni dopo l’edizione organizzata ad Ostiglia (Mantova) nel 1986. Nel frattempo l’evento è cresciuto tecnicamente e organizzativamente. Così, oltre ad un aspetto prettamente agonistico, i Mondiali 2008 avranno anche una importante valenza turistica. Alla competizione sono attesi concorrenti provenienti da 40 nazioni, selezionati attraverso i rispettivi campionati nazionali. Ogni Nazione vi potrà far partecipare un numero minimo di tre concorrenti per categoria, oltre al detentore del titolo ed ai finalisti dell’edizione precedente. In totale si tratta di circa 500 concorrenti con accompagnatori e familiari, per una partecipazione giornaliera stimata di circa 1000/1500 persone e un ritorno garantito anche dal punto di vista economico per le strutture ricettive e di accoglienza della zona.

Sede del Mondiale sarà l’Agriturismo Lago delle Sette Fontane, che dispone di uno specchio d’acqua molto grande e di tutte le strutture necessarie per la relativa gestione. Il Campionato del Mondo ricade sotto l’egida della Federazione Internazionale Naviga, che nel corso del consiglio direttivo svolto a Vienna nel mese di novembre, ha assegnato alla Federazione Italiana Navimodel (www.navimodel.it) il compito di organizzare i campionati mondiali delle categorie appartenenti alla Sezione FSR. A sua volta, la Navimodel ha dato al Team Supervitesse di Leno (www.teamsupervitesse.com) il compito di procedere all’organizzazione della manifestazione. Un grande riconoscimento per il sodalizio bresciano animato da Giovanni e Catullo Branca.

Numerose sono le categorie di gara che si distinguono a seconda del modello: FSR-V se il motoscafo è con propulsione ad elica immersa, FSR-O se il modello ha propulsione con elica di superficie e FSR-H che riguarda prototipi pluricarena da velocità con elica di superficie. All’interno di ogni categoria i concorrenti sono ulteriormente divisi a seconda della cilindrata del motore (3,5cc – 7,5cc – 15cc- 35cc) e per età (juniores fino a diciotto anni e seniores).

Negli anni scorsi, e precisamente nel 2001, 2003, 2005 e 2007 il Team Supervitesse ha organizzato -con notevole successo di partecipanti e di pubblico – gli “Internazionali d’Italia” aperti a tutte le categorie con la partecipazione di piloti provenienti da tutta l’Europa, anche dell’Est, nonché dalla Cina, dall’Australia, dagli Stati Uniti e da Israele.

Le gare sono molto avvincenti e spettacolari; le velocità sono molto elevate. Basti pensare che nella categoria FSR-H si raggiungono in rettilineo i 150 kmh. In Italia abbiamo uno specialista di questa categoria, Ivano Della Noce dalla provincia di Reggio Emilia, che nel 2002 in Polonia si classificò secondo nella gara riservata alla cilindrata 7,5cc. Durante le ultime gare internazionali tenute a Leno si è imposto in varie cilindrate.

Commenti (3)

  1. si rifanno quest’anno (2009)

  2. le gare

  3. ma quelli dell’Ufetto alla Trans Benaco sono arrivato terzi, ma ultimi…e la mettono giù così…se vincono che fanno comprano una pagina sul Resto del carlino?????????????????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>