Soldini ed Elkann sfortunati su Maserati

di Redazione Commenta

Alla fine il vento è arrivato e Maserati ha iniziato a viaggiare come sognava, con una media attorno ai 16 nodi. Tuttavia, ormai, era troppo tardi per sperare di battere uno dei due record della regata, la Transpacific (o più comunemente ribatezzata Transpac, prima edizione nel 1906, con 2225 miglia da Los Angeles-Honolulu) o anche per essere il primo maxi a tagliare la linea del traguardo al largo del faro di Diamond Head, alle Hawaii.

Maserati, la barca di Giovanni Soldini con a bordo in qualità di velista special guest l’armatore John Elkann, per ottenere tale velocità ha dovuto tenere una rotta che la ha condotta molto a Sud. Sarò di certo inevitabile, dunque, strambare e iniziare la risalita verso Honolulu. Ormai sicuro del successo nella classe più grande è il 30 metri australiano, Ragamuffin, che approfittando delle arie leggere degli ultimi due giorni, ha sfruttato al meglio le sue caratteristiche tecniche arrivando a sommare quasi 200 miglia di vantaggio sulla barca italiana, che sta rivaleggiando per il terzo posto con Wizard.

L’arrivo di Maserati nell’arcipelago del Pacifico è previsto nella giornata di sabato. Quasi al traguardo, invece, e quindi primo assoluto al traguardo dovrebbe essere il trimarano statunitense, Lending Club, che un paio di giorni fa aveva danneggiato una deriva colpendo un palo della luce che galleggiava nel bel mezzo dell’Oceano. Riparata al meglio l’avaria ha ripreso la rotta verso le Hawaii, risalendo tutta la flotta, era partito per ultimo, come i Maxi, sabato scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>