Luna Rossa non ha chance per Coutts

di Redazione Commenta

Detto da lui, ha un peso. Inevitabile. Sarà solo ‘pressione’, voglia di innervosire l’avversario e creare delle barricate, ma Sir Russell Coutts è uno che sa il fatto suo. Parliamo dell’uomo che ha vinto 4 Coppe America, con tre Paesi di tre continenti diversi: Nuova Zelanda, Svizzera e America. Ora, in veste di amministratore delegato di Oracle Racing, ne è il detentore. E deve difendere il titolo. In attesa di settembre, qualche pronostico ci sta tutto. 

Nel corso di un’intervista al New Zealand Herald, il quotidiano più importante della Nuova Zelanda, Coutts parla di tutto e tutti. Ecco, dunque, arrivare secca la stroncatura per gli italiani:

Team New Zealand e Luna Rossa sono miglia e miglia distanti, l’una dall’altra. Io penso più per il talento di ognuno dei velisti kiwi che per ogni altra cosa. Non voglio essere troppo critico nei confronti degli italiani, ma non c’è tanto di positivo che si può dire rispetto al loro modo di regatare. Comunque Team NZ batterebbe chiunque, adesso. Hanno trovato un sistema molto buono a bordo e hanno buoni marinai. Appaiono tosti, frutto delle tante ore passate in mare, più di ogni altro. E sono migliorati tanto negli ultimi due mesi.

Poi, si arriva al sodo della questione. Coutts non ha dubbi. La sfida è tra Oracle e neozelandesi. E sarà una grande sfida, a colpi di immense e bellissime regate:

Ho sempre saputo che quando Artemis è stata tagliata fuori dal gioco, le serie degli sfidanti riguardavano una sola barca. I neozelandesi hanno fatto un gran lavoro con le loro strambate in foiling (cambiare direzione continuando a volare sull’acqua, ndr) e questo da grandi vantaggi in poppa. Oracle sta lavorando duro su diverse cose, incluse le strambate, ma da qui alla Coppa penso che saremo molto più avanti in quanto a velocità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>