Salone nautico di Genova 2012, cauto ottimismo nonostante il calo

di Redazione 3

Spread the love

Tempo di primo bilancio a conclusione del 52° Salone nautico di Genova, un’edizione caratterizzata dagli inevitabili venti di crisi, diserzioni e polemiche ma anche sotto l’insegna di un cauto ottimismo e della speranza alimentata dalle promesse del Governo, annunciate dal ministro per lo sviluppo economico, per le infrastrutture e i trasporti Corrado Passera e dal viceministro Mario Ciaccia intervenuto alla cerimonia inaugurale.

» Salone nautico di Genova 2012, la ricetta contro la crisi 

» Genova 2012, il salone tra le polemiche ed il dialogo

I numeri descrivono un Salone leggermente rimaneggiato rispetto l’edizione scorsa ma capace ugualmente di affermarsi come punto di riferimento dell’industria nautica a livello internazionale. 1400 barche, 900 espositori, oltre 180 mila visitatori che però non bastano a scattare una foto reale delle condizioni in cui versa il settore nautico, sicuramente in difficoltà ma conscio delle grandi risorse – soprattutto umane – del Made in Italy.

Molto di più servono, per capire, le parole di Sara Armella, presidente di Fiera di Genova che ha sottolineato la tendenza a proporre un Salone di qualità piuttosto di quantità, come ha anche affermato Beppe De Simone, Amministratore Delegato del polo fieristico:

Al Salone Nautico di quest’anno sono stati conclusi contratti e contatti importanti, soprattutto per quanto riguarda clienti esteri e registriamo segnali di soddisfazione da parte di molti espositori. Questo ci conferma la bontà delle scelte effettuate e ci incoraggia ad effettuare un vero cambio di passo. Non abbiamo pregiudizi nel riprogettare la manifestazione: dalla durata al periodo, dal lay out all’ampliamento ulteriore delle prove in mare, dai costi ai servizi da mettere a disposizione delle imprese. Siamo convinti di avere il know how necessario per gestire il cambiamento in modo razionale e intelligente, avendo presenti gli scenari di mercato e il momento storico ed economico che stiamo vivendo. Nel futuro ritengo ci debba essere ancora più spazio per internazionalizzazione, a fianco di Liguria International, per design e innovazione e per elementi legati alla passione per il mare. Già da domani ci metteremo a riprogettare l’edizione 2013 del Salone discutendone con Ucina e con tutti i soggetti istituzionali che sono coinvolti. Il registrato calo delle presenze era ampiamente atteso e sarebbe stato illogico e anacronistico pensare a numeri diversi alla luce dei dati del mercato italiano. La nostra esperienza ci ricorda però che quello sui visitatori è solo uno degli elementi di valutazione.

Torneremo con i commenti dei protagonisti del Salone nautico di Genova 2012 con le dichiarazioni Anton Francesco Albertoni e Marina Stella, rispettivamente presidente e direttore generale di Ucina, l’associazione di categoria dell’industria nautica italiana da diporto.

 

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>