Il parco sommerso di Baia

di Redazione Commenta

Spread the love

Il parco sommerso di Baia è un’area marina protetta situata sulle coste della provincia di Napoli a nord del Golfo. E’ ufficialmente itituita dal 2002 grazie a un decreto congiunto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del ministero dei Beni e le Attività Culturali.

Insieme a quello di Gaiola, l’area rappresenta un esempio unico nel Mediterraneo di protezione archeologica e naturalistica subacquea. Inoltre sono state inseritenel più vasto contesto del Parco dei Campi Flegrei di competenza della Regione Campania.

La peculiarità di queste zone marine è legata al fenomeno vulcanico del bradisismo, ovvero l’innalzamento e/o l’abbassamento del suolo per effetto di sacche magmatiche presenti nel sottosuolo.  Il bradisismo ha dettato movimenti verticali dell’area con escursioni in positivo ed in negativo di svariati metri determinando negli ultimi 2000 anni l’inabissamento della linea di costa romana di circa 6/8 metri.

Intorno al primo secolo a.C. infatti l’intera zona costiera a nord di Napoli era una fiorentissima stazione climatica, resa alla moda anche dalla presenza di una villa imperiale, il Pausilypon appunto che dette il nome al Promontorio di Posillipo, costruita dal ricco liberto Publio Vedio Pollione. Costui alla sua morte, nel 15 a.C., nominò Augusto erede di tutti i suoi beni, Pausilypon compreso.

In seguito ingrandita ed abbellita come proprietà imperiale, tale luogo pare abbia visto il tragico concludersi della congiura contro l’imperatore Nerone. Inoltre si trovano sommersi su tale costa i resti dei porti commerciali di Baia (Lacus Baianus) ed il Portus Julius. Più a nord aveva sede il Porto di Capo Miseno sede storica della Flotta Imperiale Romana.

Lo straordinario valore di tali siti è dato sia dal notevole stato di conservazione dei reperti archeologici, oltre che dal loro valore storico archeologico oggettivo. Mosaici, tracce di affreschi, sculture, tracciati stradali e colonne, sono sommersi a circa 5 metri sotto il livello del mare tra anemoni stelle marine e branchi di castagnole.

Inoltre la presenza di ecosistemi sommersi di pregio come il fondale a precoralligeno e comunità di fanerogame marine (essenzialmente Posidonia oceanica e Cymodocea nodosa) fanno di tali luoghi ambienti di valore naturalistico rilevante, riconosciuti come tali sia dalla legislazione nazionale italiana, sia da quella Comunitaria. Il luogo è straordinariamente suggestivo, e fa di questo tratto dei fondali una piccola Atlantide romana.

Via | Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>