Ancora scintille tra Alinghi e Bmw Oracle

di Redazione 234 views0

Spread the love

Riportiamo di seguito la lettera spedita il 15 gennaio dal Commodoro del Golden Gate Yacht Club al suo parigrado della Société Nautique de Genève: vi si chiede di ritrattare le dichiarazioni di B. Butterworth (del team Alinghi) sull’incontro avvenuto a Singapore tra le parti.

“Caro Commodoro Firmenich,
chiedo formalmente che il suo yacht club ritratti immediatamente i commenti rilasciati dai rappresentanti del vostro Defender dell’America’s Cup, Alinghi.

Al mio yacht club, BMW ORACLE Racing e ai nostri partner sono dovute scuse senza riserve per le falsità dette da Brad Butterworth sui tentativi di negoziare un accordo consensuale a Singapore.
La nostra parte non ha ritirato l’offerta di firmare un accordo. È piuttosto vero il contrario.
Il documento finale è stato firmato da Tom Ehman e da Richard Slater per conto del GGYC/BMW ORACLE Racing. L’altra firma appartiene a David Kellet dell’ISAF (Federazione Internazionale della Vela), presente come testimone.
Nonostante le false dichiarazioni rilasciate da Alinghi alla stampa, il GGYC si conferma intenzionato a riprendere le discussioni affinchè tutti i punti ancora in sospeso vengano chiariti prima dell’inizio del 33° Match.
Come Fiduciario dell’America’s Cup, sono certo che il suo club comprenda le sue responsabilità a riguardo.

Cordialmente,
GOLDEN GATE YACHT CLUB
Marcus Young
Commodoro

Cc:
Ernesto Bertarelli, Team Alinghi
Brad Butterworth, Team Alinghi
Russell Coutts, BMW ORACLE Racing
Tom Ehman, BMW ORACLE Racing
Larry Ellison, BMW ORACLE Racing
Fred Meyer, Vice-Commodore SNG
David Kellet, Tesoriere ISAF
Goran Petersson, Presidente ISAF
David Tillet, Presidente della Giuria Internazionale”