America’s Cup, Oracle e Nuova Zelanda al top

di Valentina Cervelli Commenta

Dopo aver archiviato il rinvio delle regate a causa delle condizioni meteorologiche non adatte alla competizione, hanno avuto luogo nelle ultime ore ben quattro gare della Louis Vuitton Cup che hanno visto i team americani e neozelandesi, ovvero Oracle e New Zealand portarsi avanti agli altri.

Va detto allo stesso tempo che non è stato possibile non notare come il SoftBank Team Japan abbia prevalso su Groupama Team France. Franck Cammas ed il suo scafo perdono anche l’ultima gara contro la LandRover Bar. Ci voleva la clemenza del tempo alle Bermuda per godere di regate degne di questo nome per quello che è stato il secondo round robin dell’America’s cup.  La prima regata che ha avuto luogo ha visto un’ampia vittoria del Team Japan sul Team France e questo nonostante alcuni problemi in virata: si tratta di un risultato molto importante in previsione del passaggi del turno mentre è stato possibile notare problemi per lo scafo di Cammas fin dalla fase precedente alla partenza.

Come ci si aspettava, alla fine, è arrivata anche la sesta vittoria su sette regate per il Team New Zealand, che prosegue  imperterrito la sua marcia nella classifica.  E se i neozelandesi non scherzano, altrettanto fanno gli americani di Oracle che non si fanno alcun proba nel seguire gli avversari. Nella terza regata hanno infatti letteralmente piegato i giapponesi e tutto ciò nonostante una penalità in fase di pre-partenza. Le prossime regate saranno sicuramente interessanti da seguire ma non serve molto per predire che ancora una volta i Kiwi e Oracle saranno protagoniste.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>