Azimut 70, proporzioni auree sull
Stefano Righini ha concepito uno yacht che è l’espressione del rapporto aureo, linee sinuose ed eleganti che suggeriscono i canoni estetici oggettivi che hanno in sé i segreti della bellezza universale. Un profilo che emoziona, con i suoi tratti dinamici e innovativi, che sottolineano ed esaltano i 30 mq di superficie vetrata dell’intera tuga.

I 22 metri del primo Azimut 70 in acqua sembrano ancora più slanciati e restituiscono tutta la grazia con cui sono stati disegnati, insieme allo slancio proprio di una evoluzione che continua a creare nuove emozioni. Sensazioni che si acuiscono soprattutto se si osserva l’inedita linea delle finestrature, che Stefano Righini ha voluto “estreme”.

• Estreme perché protese verso il basso, oltre il livello della falchetta, per permettere a chi è a bordo di vivere il mare in tutta la sua pienezza, grazie alla suddivisione razionale degli ambienti.

• Estreme come design, con una aggressiva e avveniristica “pinna di squalo” che sorge dalla tuga e irrompe nel disegno perfettamente ellittico dei cristalli.

• Estreme, infine, per l’immensa quantità di luce che inonda gli ambienti del ponte principale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>