Nasce nel 1968 la sfida di Ferretti, che in quarant’anni ha conquistato il mondo. Innovazione, prestazioni, passione, raffinata eleganza: un pensiero tutto italiano che si conferma anche nella partnership con Vimar. Tecnologie d’avanguardia, massima cura dei dettagli e tanta passione per il mare: questi sono gli elementi vincenti della sfida che il Gruppo Ferretti persegue da sempre, quella di offrire a chi entra nel proprio club un’imbarcazione esclusiva e allo stesso tempo a misura d’uomo. Una tradizione che quest’anno compie quarant’anni, e per festeggiare l’occasione Ferretti sfoggia due nuove creazioni, che ribadiscono il fascino classico e sobrio della casa nautica e la qualità dei materiali. E degli impianti elettrici forniti, come in tutte le imbarcazioni Ferretti, da Vimar.

Era il 1968, anno di cambiamenti e rivoluzioni in tutto il mondo, quando Norberto Ferretti decise di portare la sua personale trasformazione in un mondo che da sempre lo appassionava, quello del mare: insieme al fratello Alessandro, fondò un cantiere navale destinato a diventare uno dei più prestigiosi all’interno del panorama mondiale. Da allora, l’azienda rimase sempre, è proprio il caso di dirlo, sulla cresta dell’onda. Con lo sviluppo del cantiere, nel corso degli anni si viene a creare anche un vero e proprio mondo nuovo, nel quale entrano tutti coloro che condividono non solo l’imbarcazione Ferretti ma anche uno stile di vita e, soprattutto, una forte passione per il mare.

Un mondo del quale fa parte anche Vimar, partner Ferretti e leader mondiale nel settore degli impianti elettrici per il mercato navale. L’azienda marosticense e la casa nautica condividono non solo le origini italiane, ma anche un’evoluzione storica che ha portato entrambe a diventare dei solidi punti di riferimento nei rispettivi mercati. Ma soprattutto, Vimar e Ferretti sono da sempre partners perché guardano nella stessa direzione, mettendo al primo posto nella creazione dei propri prodotti valori come qualità, design, funzionalità e sicurezza.

Gli stessi valori che si ritrovano anche nelle due ultime regine della gamma. A partire dal 881 Raised Pilot House, versione alternativa del Ferretti 881, ammiraglia della flotta. Con questo nuovo layout il Gruppo Ferretti intende mantenere l’eccellenza costruttiva dello yacht originale, ma allo stesso tempo rendere la conduzione dell’imbarcazione ancora più confortevole e consentirne una maggiore versatilità di utilizzo.

Entrando, quello che colpisce degli interni Ferretti è, come sempre, la ricerca di un equilibrio tra pregi estetici e funzionali, con particolare attenzione alla qualità dei materiali, alla luminosità degli ambienti e alla sicurezza di ogni dotazione. Come la casa secondo Vimar, anche l’imbarcazione di Ferretti deve essere vissuta e vivibile, un luogo confortevole che sappia accogliere i propri ospiti e, allo stesso tempo, inserirsi armoniosamente sul mare, diventando un ponte tra l‘uno e l’altro. Non potrebbe essere altrimenti, considerando che il target dei componenti del Club Ferretti è ristretto a pochi nomi in tutto il mondo, perciò esigentissimo.

Ecco dunque che l’armatore che entra in 881 RPH può godere della spaziosità dell’ambiente e della sua luminosità, ottenuta grazie alla scelta di colori chiari e tenui. Può abbandonarsi al relax nella zona living, con un doppio divano posto su entrambi i lati e un televisore al plasma da 32 pollici a scomparsa, e ospitare altre sette persone nella zona pranzo, dotata di un ampio tavolo. Nella cabina armatoriale, grazie alle finestrature open view su entrambi i lati e alla vetrata posta alla testa del letto matrimoniale, l’ospite può lasciarsi andare al piacere della vista dell’ambiente naturale circostante, ammirando il mare comodamente disteso sul letto o immerso nella vasca idromassaggio.

L’eleganza degli interni è ulteriormente rimarcata dalla pavimentazione, in marmo con inserti in teak, e dagli apparecchi per l’impianto elettrico Vimar. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, gli yacht hanno un impianto elettrico molto articolato e complesso: in pochi metri quadrati sono raccolte le centinaia di funzioni elettriche, per lo più in bassissima tensione, che concorrono ad assicurare benessere e comfort in tutti i locali. La cura dei dettagli è dunque maggiore, per ottenere un sistema che funzioni alla perfezione pur inserendosi in spazi ottimizzati e all’interno di architetture non residenziali.

La stessa attenzione viene posta anche nel secondo nuovo nato della gamma Ferretti, il 510. Grazie alle sue dimensioni compatte, 16 metri di lunghezza per quasi 5 di larghezza, il 510 è un progetto che mira ad un traguardo molto ambizioso: la possibilità di vivere il grande lusso italiano e di navigare immersi in un comfort fino ad ora sconosciuto in questa tipologia di piedaggio. Tra le novità rivoluzionarie, la casa nautica ha introdotto la cabina armatoriale a tutto baglio con chaise longue e un’ampia vetrata. Ancora il living, che include salone, pozzetto, cucina/bar e area pranzo e, infine, la sky lounge senza roll bar e la presenza di uno spoiler, che permettono di esibire una linea sportiva ma allo stesso tempo elegante.

Compatta e confortevole, è l’ideale per l’armatore che ama vivere emozioni intense pur senza rinunciare al massimo comfort e ad un ambiente classico ed esclusivo. Anche qui, Vimar crea un valore aggiunto alla qualità dell’offerta Ferretti, contribuendo alla bontà e al design della dotazione interna. Due nuove perle, ovviamente marine, che si vanno ad aggiungere alla già preziosa parure Ferretti, inserendo un tocco di innovazione senza tuttavia staccarsi dalle linee tradizionali consolidate dall’esperienza. Come un’elegante signora, anche Ferretti a 40 anni acquisisce il fascino della maturità e conferma carisma e leadership.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>