Mediterraneo da remare: canoisti e canottieri per rispettare il mare

di Redazione 241 views0

Spread the love

È partita proprio stamattina da San Benedetto del Tronto (provincia di Ascoli Piceno) la campagna “Mediterraneo da remare”: l’iniziativa, la quale ha preso il via dalla Lega Navale Italiana della cittadina marchigiana, beneficia della collaborazione strategica tra il Centro Turistico Studentesco (meglio noto come Cts), Marevivo, l’associazione ambientalista che tutela il mare, ma soprattutto la fondazione Univerde. Quest’ultima è l’organizzazione che promuove la diffusione della cultura ecologista ed è presieduta dall’ex ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio. Di cosa si tratta esattamente e perché tutto questo interesse per il Mar Mediterraneo? L’intento è quello di fornire il sostegno più adeguato alle strutture ricettive e turistiche che svolgono la loro attività sui vari litorali del vasto mare in questione, ma anche sui laghi e sui fiumi: in cambio di questo supporto vi sarà l’impegno a non inquinare le acque del Mediterraneo con l’utilizzo dei tradizionali motoscooter, privilegiando invece imbarcazioni “verdi”, quali le canoe e le altre barche sospinte solamente dal movimento dei remi. I vari villaggi e le spiagge coinvolte dovranno quindi diffondere il più possibile questo messaggio green.

L’evento è stato inaugurato oggi da una prima remata, la quale ha visto come protagonisti i vari canottieri e i canoisti che fanno parte della già citata Lega Navale Italiana; il percorso ha coperto il tratto che divide la sede dell’associazione e la Riserva Naturale Regionale della Sentina, ricompresa anch’essa nel comune ascolano.

Tra l’altro, Mediterraneo da remare potrà beneficiare della presenza di un grande campione del canottaggio, Bruno Mascarenhas, bronzo alle Olimpiadi di Atene del 2004 e due volte campione europeo (a Poznan nel 2007 e a Montemor-o-Velho nel 2010), il quale ha da tempo comunicato la propria partecipazione. Infine, non bisogna dimenticare l’appoggio fornito da personalità locali, come ad esempio Giovanni Gaspari, sindaco di San Benedetto del Tronto, e Pietro Gentili, segretario generale del Sindacato Italiano Balneari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>