North Carolina: il relitto misterioso del Pirata Barbanera

di Redazione 1.263 views0

Spread the love

Forse il nome di Edward Teach non dirà granché a molti: ma se lo definiamo col suo soprannome, Blackbeard, ovvero Pirata Barbanera, ecco che la fantasia e l’immaginario si scatenano: si tratta del pirata britannico che tra il 1716 e il 1718 dominò in lungo e in largo il Mar dei Caraibi, contribuendo a rendere famosi i personaggi come lui. Questa figura che sembra leggendaria, ma che fu vera e reale, è tornata d’attualità in questi giorni quando un misterioso relitto navale è stato recuperato da alcuni archeologi lungo le coste della North Carolina. Dopo i primi dubbi e le incertezze, ora si può affermare pubblicamente che questa antica nave del XVIII secolo altro non era che la Queen Anne’s Revenge, l’ammiraglia dello spietato Teach. Le certezze sono giunte da Mark Wilde-Ramsing, uno degli archeologi in questione, il quale ha notato molte prove a favore della tesi di Barbanera.

Anzitutto, il relitto può essere identificato da vari punti di vista, in particolare quello archeologico, storico e geografico e tra non molti giorni potremo conoscere il resto della verità in un apposito articolo dello stesso Wilde-Ramsing, in pubblicazione nel periodico Historical Archaelogy. Il governo dello stato americano ritiene fondate queste affermazioni, tanto che il Dipartimento delle Risorse Culturali è convinto che si tratti realmente della nave in questione, la quale porta con sé una serie di ricordi tristi e violenti.

Cosa ne sarà ora del relitto? Si possono già immaginare i risvolti positivi per il turismo nautico della North Carolina: in effetti, il locale Maritime Museum di Beaufort è già pronto ad approfittarne, visto che una imbarcazione del genere impreziosirebbe notevolmente la mostra sui pirati, la quale conta soltanto su alcuni ritrovamenti del passato e su circa 200mila visitatori ogni anno, numero che è destinato a crescere in caso di ulteriori conferme su Barbanera. Gli appassionati sono in procinto di trasferirsi in massa lungo la costa atlantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>