Al via il 4° Gran Premio del Mediterraneo di Offshore

di Redazione 245 views0

Spread the love


Si svolgerà questo fine settimana, il 4° Gran Premio del Mediterraneo di Offshore, terzo dei sei appuntamenti valevoli per il Campionato Italiano della Classe 3C ed unica prova ospitata in Sicilia. La manifestazione, organizzata anche quest’anno dall’attivissimo Club Tecnomare, si disputerà nelle giornate di sabato e domenica, sullo specchio d’acqua che da San Nicola L’Arena porta fino alla Torre Normanna, lungo un circuito che, nella configurazione definitiva, si sviluppa per una lunghezza di cinque miglia nautiche. Sono in tutto 15 gli equipaggi iscritti, tra cui due francesi e un inglese.

Ai nastri di partenza anche il partenopeo Diego Testa, affiancato dal fratello Ettore, campione italiano ed europeo in carica (quest’ultimo titolo conquistato a Napoli appena 15 giorni fa), ed il palermitano Damiano Orlando, che si è particolarmente distinto nell’evento continentale dell’8 giugno, riuscendo a cogliere il quarto piazzamento finale. Orlando, che è anche il solo siciliano al via, sarà coadiuvato come di consueto dal throttle-man romano Giampiero Soave. Altri “top driver” sono il veneto Angelo Bianchini, che nel 2005 si era imposto nella prima edizione della gara isolana, e il romano Fabio Bertolacci, primo nel precedente round di San Benedetto del Tronto, il 25 maggio.

Per quanto riguarda il programma, sono due le sessioni di prove libere di sabato (dalle 11,30 alle 12,45 e dalle 15,30 alle 16,30). A seguire tutti i catamarani, equipaggiati dai propulsori Mercury 200 CV da 2.500cc. ed in grado di raggiungere punte di 150 km/h, saranno impegnati, a turno singolarmente, nella “Pole Position”: la formula è contro il tempo, con un giro di lancio e uno cronometrato (sul tracciato di “prova”, accorciato a tre miglia nautiche) che stabilirà la classifica finale, valevole per l’assegnazione del punteggio tricolore e del Trofeo Tecnomare Cup. Domenica, invece, la gara vera e propria, con la partenza alle 12 e dieci tornate complessive da portare a termine (per un totale di 50 miglia nautiche) entro il tempo massimo di 50′, allo scadere dei quali verrà data in ogni caso la bandiera a scacchi.

Grande l’impegno profuso dagli organizzatori (da Umberto Trapani, responsabile del Club Tecnomare, a Ganni Torre), con l’essenziale collaborazione della Mare Sud (presieduta da Calogero Marino) e della Capitaneria di Porto, impegnata a pattugliare il campo gare con le proprie motovedette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>