Otam 70TH, lo yacht che punta all’estremo

di Valentina Cervelli Commenta

In molti lo hanno definito lo yacht che cambierà le regole e dando un’occhiata al progetto di Otam 70TH difficilmente si può controbattere su questa affermazione: il modello, in costruzione, farà il proprio debutto ai saloni nautici del 2021. E quasi sicuramente non deluderà affatto: l’attesa sarà valsa la pena.

Grandi firme per un modello che punta all’estremo

L’Otam 70TH può contare su un design firmato da BG Design Firm, l’ingegnerizzazione e le linee di carena messe a punto da Umberto Tagliavini Marine Design con la supervisione di Gianfranco Zanoni, che per chi non ne fosse già a conoscenza è il ceo di OTAM e un ingegnere meccanico più volte campione Powerboat. Appare evidente che dalla sinergia scaturita da tali collaborazioni di squadra porti questo yacht di diritto a entrare nel gruppo di quelle imbarcazioni che sono state concepite per essere “estreme” e al contempo divenire un evergreen di quella che è la nautica italiana. E questo cantiere negli anni ha più volte dimostrato di poter fare tutto questo.

Osservando la barca è possibile notare, così come raccontato anche dalla BG Design Firm che il design scelto prende ispirazione direttamente dalle automobili sportive di lusso e dal mondo aeronautico, senza però perdere di vista quelle che sono da sempre le linee proposte dal cantiere e le proporzioni dei suoi yacht. Anche l’Otam 70TH presenta l’attenzione per il dettaglio tipica del brand di cui fa parte e non mancano come di consueto le grandi prese d’aria in coperta ai lati del prendisole di prua, davanti al parabrezza e sull’ hard top: una scelta che enfatizza il movimento e l’aerodinamicità delle sue linee e che consente una perfetta areazione della sala motori.

Motorizzazione e customizzazione al top

Una delle caratteristiche più importanti del nuovo Otam 70TH è legata alla motorizzazione offerta: l’imbarcazione monterà infatti una coppia di motori MAN o MTU da 2000 cavalli accoppiati a trasmissioni Arneson ed eliche custom OTAM-Rolla, rendendo possibile il raggiungimento di una velocità massima di 50 nodi. Il brand sta al momento valutando se offrire ulteriori dispositivi per aumentare delle performance già inizialmente importante.

Questo porta a chiamare in causa la customizzazione offerta che come risaputo è una delle qualità fondamentali delle imbarcazioni di questo marchio. I 22,30 metri del 70HT offrono spazio e comodità per poter personalizzare in modo estremo il proprio yacht. Il modello attualmente in produzione si sta evolvendo in base alle richieste del suo armatore e prevede un pozzetto e un salone con un divano a babordo in modo da poter ospitare un numero rilevante di ospiti, tanto quanto il prendisole posto sopra al garage del tender e quello di prua parte del muscolo centrale. Gli interni, per chi vorrà ordinare questo yacht, possono contare su moltissime personalizzazioni legate al gusto del cliente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>