Barcolana di carta: a Trieste spazio alla narrativa del mare

di Redazione Commenta

La giornata di ieri ha rappresentato un vero e proprio trionfo per la letteratura legata al mare e alla vela: in effetti, la terza edizione della “Barcolana di carta” è andata a impreziosire l’omonima regata odierna, la quale si tiene storicamente a Trieste, uno dei più importanti eventi di questo tipo nel nostro paese. Ebbene, la gara non si svolgerà soltanto sull’acqua, ma anche sulla carta per l’appunto. Molti sono stati infatti gli incontri con gli scrittori che si sono cimentati col genere, tra cui si possono ricordare Giovanni Lattanzi e la sua opera dedicata alla Portaerei Cavour, ma anche il duo Claudio Ernè-Tiziana Oselladore e le loro storie e immagini del cuore marinaro della città triestina; inoltre, il vasto programma in questione prevedeva anche “La settima onda” di Donatello Bellomo e una interessante proiezione cinematografica, vale a dire quella del documentario intitolato “Stretti al vento: storie di navigazioni in solitario”.

Insomma, la splendida regata del Mediterraneo non poteva avere un preambolo migliore nell’esaltare tutti gli aspetti legati a navi e mari. La location scelta in questa occasione è stato il Villaggio Barcolana, non lontano dalle rive triestine. Tra l’altro, sono stati apprezzati persino degli esordi in qualità di scrittori: è il caso di Ambra Gaudenzi, la quale finora si era fatta conoscere come velista e gallerista, ma che ha deciso di presentare il suo volume “Amiche in alto mare“.

Tradizionalmente, lo scettro della narrativa del mare spetta alla regione Liguria, tanto che non deve stupire la recente vittoria del chiavarese Mario Dentone nel Premio Marincovich di quest’anno con il suo “Il padrone delle onde”, una rivisitazione interessante dell’epopea risorgimentale di Giuseppe Vallero. La conclusione della “Barcolana di carta”, infine, è stata affidata ai misteri e alle fantasie che legano l’uomo al mare; “Sotto il segno di Tanit” è l’opera di uno dei più apprezzati apneisti del nostro paese, Enzo Maiorca, in più occasioni detentore dei record di immersione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>