Gli AC45 mettono a dura prova i velisti

di Redazione Commenta

Spread the love

Lo sapevate che in una regata come quelle dell’AC World Series si bruciano quasi 2500 calorie? Gli AC45 sono velocissimi e emozionanti ma mettono a dura prova il fisico dei velisti, in primis il sistema cardiaco. Quando il monitor personale dice che si sta dando più del 100% della frequenza cardiaca massima, c’è qualcosa di sbagliato. A Sean Clarkson di Artemis Racing è successo tre volte durante una regata AC45 di Cascais. Fortunatamente Clarkson respirava ancora alla fine della gara, ma non c’è dubbio che lui e i suoi compagni di squadra si sono spinti al limite, e oltre.

Il medico inglese più noto nel campo della medicina sportiva, Pete Cunningham, dopo quasi vent’anni di lavoro spesi al fianco di atleti di punta della Gran Bretagna olimpica è ora a tempo pieno con Artemis Racing. Ha dichiarato:

La frequenza cardiaca di Sean è basata sul suo lavoro svolto in laboratorio. Abbiamo fatto un test al vogatore, perché queste barche a vela impegnano tutto il corpo. La frequenza cardiaca massima è oltre il limite di due o tre battute, ma dimostra quanto sia difficile navigare su queste barche. Specie quando si deve girare la maniglia di un winch senza sosta.

Avendo lavorato con atleti olimpici come i campioni olimpici Ben Ainslie e Iain Percy – membro di Artemis Racing – Cunningham ha un buon indicatore del benessere dei velisti.  Per tutti, tranne il timoniere, i test di Cunningham suggeriscono che i livelli di idoneità richiesti all’equipaggio di uno AC45 sono paragonabili a quelli della vela olimpica.

E ‘difficile fare un confronto diretto, ma un AC45 è come una serie di sacchi di esplosivo che scoppiano in rapida successione. C’è stata una regata di flotta a Cascais, dove abbiamo avuto tre strambate in rapida successione, e quando le strambate non vanno bene, è davvero dura per i ragazzi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>