Il mondiale del catamarano Tornado sul lago di Garda

di Redazione 356 views0

Spread the love

Chissà se sul Garda il catamarano Tornado festeggerà il suo inserimento nel programma Olimpico di Londra 2012? La decisione sarà presa a ferragosto, un paio di settimane prima del Campionato Mondiale 2009 che si correrà al inizio settembre (1-4, stazze il 29-30 agosto), nelle acque antistanti le località di Gargnano e Toscolano-Maderno. In ogni caso sarà il ritorno di un evento sportivo del massimo livello lungo le rive della Riviera dei Limoni, la sponda lombarda del Benaco. L’ultimo mondiale, in questo spazio gardesano della regione, fu quello del 2002 a Gargnano, evento riservato ai velisti non vedenti della Federazione “Blind Sailing International”, mentre per una classe olimpica bisogna andare al 1985 con il Mondiale Flying Ducthman ospitato a Campione di Tremosine, e sempre promosso dal Circolo Vela Gargnano.

Nel 1993 a Gargnano si era corso il Campionato del mondo Giovanile “Under 20” e nel 1986 quelli dei Mini Tonners, gli scafi più piccoli dell’altura marina. Il Mondiale Tornado vedrà al via più di 50 equipaggi, comprese le medaglie olimpiche di Pechino 2008 con l’australiano Darren Bundock (argento e mondiale in carica) e l’argentino Santiago Lange (bronzo nelle ultime due Olimpiadi). Sarà co organizzato dal Circolo Vela Gargnano e dal Circolo Vela di Toscolano-Maderno che presso la grande spiaggia di Toscolano ospiterà tutti i concorrenti. Gli stessi equipaggi avranno la possibilità di partecipare alle prove dei Multiscafi inseriti nelle affollate gare del trofeo 43° Gorla -50 Miglia (30 agosto) e della 59° Centomiglia-MultiCento (5-6 settembre). Il Tornado é un catamarano monotipo, con equipaggio di due persone. Il Tornado è un’imbarcazione che costituisce classe olimpica dal 1976. Il Tornado ha un legame particolare con la vela del lago di Garda. Il suo esordio in Italia è di 40 anni fa, quando nel 1969 vinse in assoluto la Centomiglia del Garda con l’equipaggio composto da Fabio Albarelli di Torri del Benaco (bronzo alle Olimpiadi del 1968 in Messico con il singolo Finn) e Gianfranco Oradini di Arco (che sarà con Albarelli alle Olimpiadi del 1976 sul lago Kingston in Canada). L’altro legame è con lo skipper del lago d’Iseo Giorgio Zuccoli che partecipò a due edizione delle Olimpiadi, a Seul nel 1988 con il toscano Luca Santella, a Barcellona nel 1992 con l’altro bresciano Angelo Glisoni. L’equipaggio Zuccoli-Glisoni vinse nel 1991 il titolo mondiale sul mare di Cagliari davanti a ben 94 avversari. Quel titolo resta l’unico di un equipaggio bresciano (e lombardo se si esclude Alfio Peraboni prodiere del piemontese Dodo Gorla nel Mondiale Star del 1984 in Portogallo) in una categoria olimpica. Il Mondiale Tornado vanta, per ora, il patrocinio del Consiglio della Regione Lombardia, dell’Assessorato allo sport della Provincia di Brescia, del consorzio Riviera dei Limoni, del Comune di Toscolano-Maderno. Tra i partners ci sono già “GreenComm Challenge”, consorzio gardesano per la America’s Cup; “Aria” wi max su tutto il terrorio nazionale; la griffe “Marina Yachting”; “Green Wave”, nascente distretto tecnologico lombardo co promosso con Wave Group.