Itama Power Circle, tournée di successo per l’ammiraglia bianco-blu

di Redazione Commenta

Spread the love


Si è conclusa il 29 giugno scorso la prima tappa dell’Itama Power Circle, l’iniziativa a firma del cantiere di Ferretti S.p.A., che nasce per offrire a clienti, dealer e stampa una speciale panoramica dello stile senza tempo del brand. Dopo il suo esordio nelll’isola di Capri nel 2006 e l’edizione veneziana nel 2007, quest’anno l’Itama Power Circle si è proposto con una nuova formula itinerante, una vera e propria tournée dedicata interamente al debutto del nuovissimo SeventyFive.

L’elegante ammiraglia del cantiere, alla sua prima apparizione in pubblico, ha toccato tra il 24 e il 29 giugno le marine di Porto Rotondo e Porto Cervo per concludersi poi a Barcellona, il 19 luglio presso la Marina di Sitges. Location scelte non solo per la loro affinità stilistica all’immagine Itama, ma anche in risposta all’interesse che proprio nel bacino Mediterraneo questi yacht stanno incontrando, con condizioni di mercato che hanno portato alla nascita di nuove dealership e all’acquisizione di nuovi clienti alla ricerca dell’open più classico.

L’Itama Power Circle ha inaugurato con l’incontro riservato ai giornalisti, il 24 e 25 giugno a Porto Rotondo: una due giorni entrata rapidamente nel vivo delle prove a mare; test a cui hanno voluto personalmente partecipare il Presidente Tilli Antonelli e l’Amministratore Delegato Fabio Fraternale, impegnati ad accompagnare i rappresentanti della stampa alla scoperta della nuova imbarcazione, tra cale suggestive e momenti di relax serale.

Il programma si è ufficialmente aperto a clienti e rete commerciale il 27 giugno con le prove a mare di SeventyFive, FiftyFive e Forty, partite per tutto il pomeriggio e per i due giorni successivi dallo Yacht Club Costa Smeralda di Porto Cervo. La navigazione è stata arricchita dalla presenza di tutti e tre i modelli più la versione originale rossa del 55 piedi, per suggestive coreografie degli yacht le cui scie si sono intrecciate in agili movimenti in acqua.

La mattina del 27 giugno si è svolto il dealer meeting Itama: un momento di grande rilievo per il network, che fa dell’Itama Power Circle un’efficace occasione per costruire una maggiore sinergia tra singoli mercati. La sera è stata siglata da atmosfere rilassanti a bordo piscina, presso lo storico Yacht Club di Porto Cervo che ha ospitato il cocktail-dinner riservato agli ospiti Itama e ai soci del Club.

La serata del 28 invece ha celebrato il mondo Itama con una cena di gala svoltasi nei raffinati spazi dell’Hotel Cala di Volpe che, con la sua struttura ad anfiteatro, ha permesso agli ospiti di ammirare il SeventyFive collocato al centro dello scenario, da ogni prospettiva. Un momento di convivialità e festa a cui sono intervenuti diversi personaggi del mondo dello spettacolo, del cinema e dello sport, sia italiani che stranieri.

Ma il grande protagonista dell’Itama Power Circle 2008 è sicuramente stato l’Itama SeventyFive, un’imbarcazione che sin dalle prime anticipazioni aveva suscitato un notevole interesse. L’evento a firma Itama ha ribadito le prime positive impressioni, con la vendita dei primi esemplari e l’arrivo dei nuovi ordini che vedranno impegnata la produzione per tutto il 2009.

Ospiti e stampa hanno potuto apprezzare uno yacht dallo spirito ricercato ed essenziale, un modello che rappresenta un traguardo di cui il cantiere va a ragione orgogliosa: innanzitutto nelle prestazioni, che hanno convinto chi ha potuto provare l’ammiraglia in mare. Un mix di potenza, agilità e stabilità, con in più la rumorosità dei motori ridotta ad un “sommesso brontolìo” anche a velocità massima, per godere dell’appagante esperienza di contatto col mare che solo un autentico open può offrire.

I più esperti hanno ammirato il nuovo parabrezza in carbonio, il più grande del genere in Europa; commenti positivi anche per l’avantop, l’esclusivo tettuccio anch’esso realizzato in carbonio da un’ azienda leader nel settore come ATR; si tratta di due elementi disegnati dallo yacht designer Marco Casali che insieme raggiungono i 250 chili di peso contro i 600 delle stesse strutture realizzate con materiali tradizionali.

Tutte differenze che in navigazione incidono sensibilmente e favorevolmente su velocità e consumi. Nel progetto sono state inoltre recuperate particolarità in stile bowrider USA, come la realizzazione di una originale apertura motorizzata della parte centrale del parabrezza, per un passaggio ancora più agevole verso la zona di prua. Eleganza fuori dal comune, con arredi di decisa modernità, per gli interni. Una ulteriore novità è costituita dalla nuova impostazione per la zona di guida, con la consolle per la prima volta centrale su un Itama ed in posizione sopraelevata, per una visuale ideale in navigazione, a 360 gradi.

La tournée di anteprima del SeventyFive è terminata quindi in acque catalane, dove l’ltama Power Circle è approdato il 18 e il 19 luglio per le prove a mare presso il Port d’Alguadolç della marina di Sitges, Barcellona. Con le sue tre raffinate tappe e un’ammiraglia che porta contenuti di grande valore nel suo segmento, l’Itama Power Circle 2008 compie con quest’edizione un deciso passo avanti per diventare uno degli appuntamenti di riferimento per i cultori dell’open più autentico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>