Vela Olimpica Fiv, Camboni grande a Miami

di Valentina Cervelli Commenta

La Coppa del Mondo delle Classi Olimpiche nella sua tappa di Miami ha già dato alcune soddisfazioni agli italiani. Gli azzurri hanno infatti mostrato ancora una volta di saperci fare: nella Tavola a vela RS:X Mattia Camboni vince la Medal Race e chiude quarto in classifica, mentre Lorenzo Bressani e Caterina Banti sono quinti nel Catamarano Nacra 17.

Il risultato di Mattia Camboni è qualcosa che in molti hanno sperato e che l‘atleta ha fortemente voluto. In attesa dei risultati dell’ultima giornata di gara non ci si può lamentare di quelle che sono state le prestazioni delle italiani per ciò che concerne le classi in gara: Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, Tavole a vela RS:X (sia per uomini che per donne), Doppi 49er e 49er FX . Non vi sono state medaglie, ma gli ottimi piazzamenti hanno reso grande la performance generale dei nostri atleti. La vittoria di Mattia Camboni nella Medal Race maschile dell’RS:X con il margine di un certo livello archiviato sullo svizzero Sanz Lanz è stato uno di quello.  E per quanto la chiusura al di fuori del podio un po’ bruci perché colpa di una prima giornata difficile che ha segnato l’intero andamento, sarebbe ipocrita dire che in generale l’esperienza sia andata male.

Buona anche la performance degli equipaggi italiani impegnati nella Medal dei 49er, che si è chiusa vedendo al secondo posto Ruggero Tita e Pietro Zucchetti e al terzo Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni. Settimo posto invece nella flotta femminile degli FX, per Maria Ottavia Raggio e Paola Bergamaschi. I veri rimpianti azzurri sono per Lorenzo Bressani e Caterina Marianna Banti, che sono arrivati sesti nella Medal dei Nacra 17 dopo un inizio davvero molto intenso.

Photo Credit | Fiv-Fabio Taccola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>