Marina di Stabia: il progetto Fuksas per il porto

di Redazione Commenta

Il porto turistico di Marina di Stabia può sicuramente competere alla pari con le principali strutture europee: l’opera è talmente imponente e importante che la stessa Castellammare è stata definita “la città dei due porti”. La conferma di una crescita progressiva si è avuta questa estate, quando il lusso delle barche e delle persone era praticamente identico a quello che si può trovare a Montecarlo. Qual è il segreto quindi? In realtà, si puntava molto più semplicemente a riqualificare e rilanciare l’area circostante, senza ambire al grande prestigio che già vantano porti importanti come Sorrento, Capri e Ischia. Gli imprenditori e gli uomini d’affari che sono giunti da queste parti nei mesi sono scorsi sono stati davvero molti, soprattutto coloro che provenivano da paesi con una economia emergente e in rampa di lancio (in primis gli indiani e i russi).

Le imbarcazioni che quindi hanno attraccato erano tra le più grandi in assoluto, con degli yacht che potevano essere considerati dei veri e propri gioielli. Ma la fame di crescita di Marina di Stabia non si ferma qui; in effetti, il famoso architetto Massimiliano Fuksas ha intenzione di impreziosire ulteriormente il porto campano. creando nuove forme e linee che diano maggiore eleganza all’intero complesso. Il vero e proprio fulcro di tale progetto sarà idealmente rappresentato dalla torre di controllo, un edificio fondamentale dal punto di vista nautico e che in questo caso assumerà delle dimensioni davvero importanti.

Nel dettaglio, si sta pensando a un centro servizi di venti metri d’altezza, dotato di quattro piani e con una elegantissima copertura in vetro, tanto che la luce del sole e della luna renderanno ancora più speciale la visione d’insieme. L’attesa in tal senso è molto alta e si pensa già a come sarà Marina di Stabia al suo completo; per il momento, però, si può già beneficiare di uno Yacht Club di primo ordine, di ristoranti alla moda e di svariati servizi messi a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>