Coppa America: esordio di Venezia nelle World Series

di Redazione Commenta

L’appuntamento è fissato tra il 12 e il 20 maggio del 2012 e poi nell’aprile 2013: queste le date in cui Venezia ospiterà per la prima volta due delle World Series legate alla Coppa America.

Grande soddisfazione per il risultato raggiunto è stata espressa dal sindaco Giorgio Orsoni, che annunciando l’accordo con gli organizzatori ha sottolineato come Venezia e l’America’s Cup rappresentino due eccellenze mondiali e la loro unione sia un fatto naturale; l’evento offrirà inoltre un’opportunità per rilanciare la vocazione internazionale della città.

Analoghi sentimenti sono stati espressi dal presidente dell’America’s Cup Event Authority Richard Worth, che ha sottolineato come lo scenario della laguna offrirà uno sfondo ideale alle gare dei catamarani Ac45 con ala rigida che parteciperanno alle competizioni.

L’Arsenale, l’antico deposito navale edificato nel 1100, offrirà la base logistica dell’evento; il campo di regata si estenderà tra gli stabilimenti dell’Hotel De Bains e la Bocca di Porto del Lido; 10 saranno gli equipaggi che si sfideranno in complessive 30 regate, che si succederanno al ritmo di tre al giorno. Gli spettatori attesi sono 50.000 circa; nel frattempo sono già stati realizzati i loghi ”Venice 2012” e ”Venice 2013” America’s Cup World Series.

Il top del tappa del 2012 verrà toccato tra il 17 e il 20 maggio, in occasione del match race e della regata singola dalla quale uscirà il vincitore; per l’occasione è stata organizzata una serie di eventi collaterali, tra cui la sfilata delle barche nel bacino; sulla riva degli Schiavoni sarà invece collocato il villaggio informativo per i turisti.

Il sindaco Giorgio Orsoni ha posto l’accento sul clima di grande collaborazione che ha portato all’assegnazione delle gare: Comune, Regione, Provincia, Biennale, Marina Militare e Autorità Portuale hanno cooperato efficacemente al fine di raggiungere l’obbiettivo, rinnovando ciò che era già avvenuto ai tempi del ‘Moro di Venezia’ di Raul Gardini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>