La Cassin Young e i suoi problemi di manutenzione

di Redazione Commenta

Sono passati ben sette decenni da quando la nave statunitense Cassin Young è sopravvissuta a uno degli ultimi attacchi kamikaze della Seconda Guerra Mondiale: eppure, anche se è passato un così lungo arco di tempo, l’imbarcazione sembra pronta da un momento all’altro ad affrontare il mare aperto. Ma la velocità e la forza di questi colossi sono rimasti ancora intatti? Attualmente, la Cassin Young si trova ancora presso il Charlestown Navy Yard, il parco nazionale che ha di fatto rappresentato la sua unica sede e “abitazione” da oltre trenta anni a questa parte. In gran parte di questo tempo, inoltre, questo colosso della nautica è rimasto ormeggiato nel porto, proprio alla fine del molo in questione. Circa un anno fa, comunque, è stata spostata verso il Dry Dock 1, con una riorganizzazione e gestione che avrebbe richiesto la spesa di ben 3,3 milioni di dollari.

Appunto, il condizionale è d’obbligo, dato che dopo quattro mesi e due milioni di esborso, il National Park Service ha deciso di interrompere il lavoro, anche perché lo stesso scafo si trova in condizioni peggiori di quanto ci si potesse aspettare. Per tutte queste ragioni, quindi, si è resa necessaria la consulenza ingegneristica della società britannica Ocean Technical Services, così da poter appurare quali sono le reali condizioni di “salute” del vascello. Il rapporto in questione parla chiaro, la nave può sicuramente salpare, ma necessita comunque di riparazioni aggiuntive prima di poter procedere a questa operazione.

Ci sono anche delle prospettive economiche di cui bisogna tenere conto: ad esempio, servirebbero altri 18,7 milioni di dollari per mantenere a galla la Cassin Young per almeno altri cinquanta anni, una spesa non prevista e che pone ovviamente dei problemi. Il Navy Yard, il quale detiene il possesso dell’imbarcazione, e il Park Service, responsabile per la sua manutenzione, si dovrebbero incontrare a breve per concordare un nuovo programma, al fine di garantirle un futuro più dignitoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>