Spread the love


La pioggia ha guastato la festa e la possibilità di recuperare qualche posizione per molti team, ma le sorti del campionato del mondo, in entrambe le classi si erano già decise. Solo ieri, in Portogallo, aveva vinto matematicamente il titolo Evolution l’imbarcazione inglese #99 Fountain Worldwide 1st4boats.com di James Sheppard e Craig Wilson, mentre una settimana fa, a Vigo, aveva messo il sigillo sul mondiale SuperSport l’equipaggio di #44 Conam Yachts, formato da Angelo Tedeschi e Aaron Ciantar.

La formazione napoletano-maltese ha riscritto, almeno nella SuperSport, il concetto di “dominio” nella classe, vincendo in tutte le gare eccetto una, dove avevano comunque tagliato il traguardo per primi ma hanno dovuto accontentarsi di un secondo posto a causa di una penalità in partenza. Il loro scafo Chaudron, motorizzato Mercury, ha dimostrato di essere imbattibile e soprattutto incapace di patire gravi danni: si tratta di un titolo ampiamente meritato, raggiunto con il ragguardevole punteggio di 1150 punti in 6 eventi.

Il team #07 Microlink PC VoomVoom.com ha confermato la seconda posizione con 670 punti, seguito a solo 20 punti di distanza da #38 Baia High Performance OSG Racing. L’aumentata competitività nella classe Evolution ha invece costretto la formazione inglese a una battaglia più ardua per la difesa del titolo conquistato nel 2007, riuscita grazie sopratutto all’ottimo inizio di stagione, con 4 vittorie nelle prime due gare. Ieri il duo Sheppard-Wilson ha potuto mettere le mani sul secondo titolo consecutivo nella classe Evolution con un totale di 780 punti. Dietro di lui, gli italiani #60 GFN Gibellato e #88 Kiton Outerlimits.

Le sculture in bronzo e ciliegio che i team hanno ricevuto come premio sono opera dell’artista italiano Andreas Perathoner, presente in numerose collezioni in tutta Europa e già conosciuto per i suoi premi in altre competizioni motoristiche come la Superbike. Perathoner ha realizzato la scultura del legno a mano, inviando poi il manufatto a un artigiano specializzato che si è occupato della fusione del bronzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>