Ieri prima giornata del Campionato Autunnale di Altura, cui il CUS Palermo ha invitato solo le barche con rating prossimo, in modo da concentrare i migliori velisti su poche barche e gareggiare quasi in tempo reale. La finalità è di ripetere nell’Altura ciò che avviene nei Platu 25: partenze continue, bagarre sulla linea dello start, affollamenti in boa. Solo così si ritiene si possano ottimizzare barche ed equipaggi in vista di impegni più importanti.

Alle 12 e 30 viene data in maniera puntuale la partenza. Il vento è debole ma sembra costante. In boa partono bene Maurizio D’amico, cui Lorenzo Spataro ha affidato il timone di Fishbone, Exatsy di Giulio Caiazzo e La Gatta Frettolosa di Michele Zucchero. Il resto della flotta scivola sulla linea e preferisce dirigersi sulla parte sinistra del percorso. Il trio di testa invece vira e va a destra. Michele Crapitti su Curaddau si ritrova improvvisamente solo al centro del campo di regata. Il vento molla a destra e Curaddau decide di virare ed andare a sinistra e riunirsi al gruppo. La scelta è fortunata, il lato sinistro si dimostra ottimale e la flotta sale decisa in boa.

A questo punto a destra finisce tutto, Fishbone, La Gatta Frettolosa ed Exatsy rimangono intrappolati in una bolla d’aria mentre Alvarosky di Francesco Siculiana (nella foto) raggiunge la boa ed apre lo spinnaker. Intanto, dal gruppo alle sue spalle, Filo da Torcere di Ugo Salmeri guadagnava metri su ogni bava di vento. Il cielo si copre, il vento si ferma ed il Comitato annulla la prova. Si va in attesa, ma dopo un’ora non c’è più nulla da fare ed i giudici mandano la flotta a terra. Le prossime prove in calendario sono previste per Sabato 15 Dicembre, ma, nel frattempo, l’organizzazione potrebbe provvedere al recupero della prova di oggi in accordo con gli armatori coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>