Barche in legno, la resina epossidica per la protezione dello scafo

di mar 1

Il legno come materiale costitutivo delle barche ha delle particolari ed impegnative condizioni nel suo utilizzo in ambiente marino. Principalmente, riguardo i materiali impiegati, i quali devono rendere le barche non solo esteticamente belle ma anche e soprattutto funzionali, utili e resistenti all’azione dannosa dell’acqua e gli agenti atmosferici.

Una soluzione valida per la protezione, l’impermeabilizzazione e l’incollaggio è l’impiego di resine epossidiche. La prima resina epossidica introdotta nel mercato nautico, più di 40 anni fa, è stata la resina West System; si tratta di un adesivo strutturale marino, progettato per l’incollaggio del legno in un modo potente e perenne.

L’introduzione della resina epossidica nella produzione del legno ha in realtà rivoluzionato l’uso di quest’ultimo materiale per la costruzione, rendendolo competitivo e pure più opportuno di altri materiali per la costruzione di imbarcazioni.

Questa rivoluzionaria associazione legno/resina epossidica, impedisce l’assorbimento di umidità, facendo che il legno conserve al massimo la sua resistenza meccanica, la quale sarà maggiore quanto più secco è il legno; inoltre, conferisce un’ottima stabilità dimensionale, senza gonfiori, pieghi e distaccamento della nervatura; in questo modo, costituisce una base robusta per la verniciatura senza né spelli né bolle.

Riguardo l’impermeabilizzazione il vantaggio della resina epossidica è incomparabile; quando il legno è saturato di resina epossidica ha la capacità di non assorbire più acqua; si tratta quindi di una vera saturazione, piuttosto che un’impregnazione superficiale del legno come accadde con altri prodotti.

Inoltre, la combinazione legno/epossidica ha una considerevole validità strutturale, che si manifesta soprattutto nei casi di costruzioni lamellari. Per queste circostanze, sono state sviluppate delle resine indurenti e addensanti con le più notevole proprietà fisiche, che mantengono allo stesso tempo tenacità e flessibilità, in modo di poter coesistere con gli inesorabili movimenti degli scafi e di altre strutture sottomesse a carichi simili.

Finalmente, la resina epossidica, convenientemente addensata, ha ottima capacità di riempire vuoti, ad esempio i difetti di contatto tra diversi pezzi, producendo così un incollamento perfetto.

 

 

Commenti (1)

  1. Si… con la resina epossidica le superfici diventano inassorbenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>