La nautica riparte da Cerri che vende un nuovissimo 102′

di Alba D'Alberto Commenta

Con Cerri e con le buone notizie all’inizio dell’anno, riparte il settore della nautica italiana. Il cantiere navale con sede ad Avenza in provincia di Carrara, ha annunciato infatti una nuova struttura organizzativa ma anche una nuova commessa: il quinto scafo della linea Cerri 102′ Flyingsport

Il cantiere carrarino ha deciso di affidare la guida dell’azienda ad un nuovo CEO che ha già maturato esperienza nel settore nautico essendo stato AD di Mondomarine e Baglietto. Si tratta di Diego Michele Deprati un ingegnere giovane nato soltanto nel 1963. Per dare forza e vigore alla sua squadra, sono stati chiamati a bordo dell’azienda Cerri anche Guido Penco, già Direttore Tecnico di Baglietto e Giulio Bertani che sarà il responsabile commerciale del marchio toscano sul mercato internazionale. Carlo Cerri, invece, fondatore del brand, manterrà il ruolo di Presidente. Direttore del Cantiere è Adone Pucci mentre ad una donna, Raffaella Daino, è affidato un incarico di responsabilità nella Comunicazione e Marketing. Anche la Daino arriva dal Baglietto.

Nuovo team, nuova commessa e il 2015 non poteva cominciare meglio. È stato siglato l’accordo per la costruzione del quinto scafo della linea Cerri 102′ Flyingsport che sarà venduto ad un armatore italiano. Si tratta del secondo successo a stretto giro visto che soltanto pochi mesi fa è stato consegnato ad un cliente americano il Cerri 86′ Flyingsport presentato in anteprima al Salone di Fort Lauderdale.

Nei piani del nuovo management ci sono almeno due direzioni di sviluppo: da un lato il rinforzo del core business rappresentato dalla produzione in vetroresina e dall’altro l’ampliamento della gamma offerta che comprenderà 2 linee fully custom, cioè su misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>