Lago di Garda: aumentano i feriti

di mar Commenta

E’stato presentato nei giorni scorsi presso la sede della Provincia di Verona il bilancio degli incidenti avvenuti nel Lago di Garda nel corso della stagione estiva: a presentare i risultati sono stati la Guardia Costiera e la Squadra nautica della Politica di Stato.

Il quadro disegnato dalle autorità intervenute appare tutt’altro che incoraggiante: il numero di feriti è cresciuto dell’80 per cento; in due casi le conseguenze sono state particolarmente gravi, e si è dovuto procedere ad amputazioni di arti a seguito dei danni riportati dall’impatto con eliche; in crescita gli incagli, le collisioni tra scafi e gli affondamenti: questi ultimi non hanno fortunatamente avuto conseguenze mortali, tuttavia quando si parla di incidenti in mare, la fortuna è un fattore da non prendere in considerazione, come sottolineato dal comandante della Guardia Costiera di Salà, Marco Ravanelli.

Nel corso del suo intervento, lo stesso Ravanelli ha illisustrato i principi del funzionamento del sistema di soccorsi che è attivo 24 ore su 24 nel corso di tutto l’anno; lo hanno affiancato il colonnello della Guardia costiera di stanza a Venezia Massimo Maiolo, colonnello e i vertici della Squadra nautica della Polizia di Stato: Cristina Rapetti, dirigente della Questura di Verona e responsabile delle volanti oltre che della Squadra nautica, e Andrea Erculiani, capo della pattuglia navale di stanza a Peschiera.

Nell’occasione, è stato sottolineato come la divisione dei compiti abbia prodotto un sistema efficiente di soccorso, controllo e repressione dei reati, che ha funzionato in modo efficace nonostante i recenti tagli; Rapetti ha ricordato come ad esempio, grazie ad un accordo con gli otto Comuni che si affacciano sul lago, sia stato possibile mettere in acqua a luglio due acquascooter da 180 cavalli, identici a quelli usati in mare, affiancandoli alle 4 motovedette già attive: in questo modo è stato possibile pattugliare il lago anche nei pressi della costa, conducendo sia azioni di prevenzione che di repressione dei reati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>