America’s Cup World Series: Oracle Racing vince il Cascais AC Match Race Championship

di Redazione Commenta


Oracle Racing Spithill si è aggiudicato il Cascais AC Match Race Championship superando sul rotto della cuffia Emirates Team New Zealand, dominatore della fase di qualificazione e del primo weekend. Merito del miglior spunto prestazionale, della sapiente gestione del pre-partenza e dalle scelte tattiche azzeccate, James Spithill ha rifilato allo skipper Dean Barker con un secco due a zero che ha portato Oracle Racing Spithill a occupare la prima piazza dell’AC Match Race Championship.

Subito dopo la premiazione James Spithill ha esternato la sua soddisfazione per un successo merito contro un avversario ostico e apparentemente insormontabile come Emirates Team New Zealand:

Sono davvero contento, perché abbiamo raccolto il massimo dopo una settimana di duro lavoro, abbiamo raggiunto il picco di forma nel momento giusto, segno che il nostro programma di lavoro è stato azzeccato. Non poteva andare meglio.

Lo skipper dei Kiwi, Dean Baker non nasconde la propria delusione ma è tutt’altro che rassegnato (anche perchè
Grande delusione, invece, per Dean Barker che, assieme al suo equipaggio, aveva dominato la serie fino al momento della finale:

Ogni giorno c’è una lista di cose che puoi fare meglio. Oggi abbiamo capito su cosa dobbiamo lavorare. Non vediamo l’ora di tornare in acqua per poter puntare a un riscatto immediato.

Anche Artemis Racing deve ingoiare l’amarezza a causa del ritiro in semifinale per un problema al gennaker, caduto in coperta prima che potesse essere rollato. lo skipper Terry Hutchinson ha dichiarato:

Quando il gennaker è finito in coperta ci siamo accorti che tanto la vela, quanto l’attrezzatura si sarebbero potuti danneggiare gravemente. Ci siamo ritirati per non incorrere in danni maggiori, ma siamo comunque contenti, perchè fino a quel momento eravamo riusciti a regatare bene.

A sorridere invece è il Team Korea che ha rifilato una storica vittoria contro Oracle Racing Coutts nei quarti:

Siamo davvero in paradiso: il risultato ottenuto ci appaga moltissimo e va oltre le nostre aspettative – ha detto Draper una volta tornato in banchina – Abbiamo battuto Russell Coutts nel confronto diretto: non è una cosa che capita tutti i giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>