leonardo.it

Ancora nubi sulla 33° America’s Cup

 
Blogger
3 dicembre 2007
Commenta

Ancora nubi sulla 33° America
Coppa nella bufera, almeno stando alle numerose indiscrezioni apparse sulla stampa mondiale in questi giorni. Tanti, infatti, sono i nodi da sciogliere in vista della 33ma America’s Cup, dopo che la Corte di New York ha invalidato il protocollo e la normativa dell’evento, emanati da Alinghi.

La prima questione proviene dalla Nuova Zelanda, tradizionale superpotenza del circolo di Coppa, che finora non aveva ancora alzato la voce. Grant Dalton, il patron del sindacato, ha confermato le voci lanciate dal quotidiano Daily Telgraph, su una richiesta di danni inviata dal proprio consorzio kiwi a Ernesto Bertarelli.

Secondo quanto riportato dalla testata britannica, New Zealand avrebbe lamentato perdite di circa 15 milioni di euro qualora l’evento fosse posticipato nel 2010, e di 26 milioni di euro in caso di rinvio al 2011. Dalton, in un comunicato, non ha smentito nulla. “Quanto scritto dal Telegraph – si legge nella nota – è sostanzialmente vero. Quando abbiamo firmato per partecipare alla Coppa nel 2009, Bertarelli ci assicurò sulla data dell’evento. Il contratto, infatti, prevedeva un’assicurazione in questo senso, così da consentire di prepararci al meglio”.

New Zealand attribuisce inoltre ad Alinghi le cause per il mancato raggiungimento dell’accordo con Bmw Oracle Racing. “Nessuno di quei nove punti – si continua a leggere – poteva essere considerato oneroso dal sindacato elvetico”. Altra incognita sembra essere diventata la sede della prossima edizione di Coppa. Secondo quanto ventilato dal sito internet Valencia Sailing, il contratto tra Acm (organizzatore dell’evento) e la città di Valencia conterrebbe una clausola tale da annullarlo in seguito a una sconfitta di Alinghi nel contenzioso legale con Bmw Oracle.

Bertarelli avrebbe già approfittato di questo cavillo, rimborsando alla città spagnola la prima rata pagata per ospitare l’evento. L’intenzione di Alinghi sarebbe, infatti, quella di accettare la sfida tra trimarani con Oracle per poter organizzare, in caso di vittoria, un’eventuale 34ma America’s Cup senza dover sottostare alle richieste americane. Proprio in virtù di queste voci, il quotidiano spagnolo “Las Provincias” ha ipotizzato un ricorso in appello del Club Nautico Espanol de Vela, il circolo delegittimato dal giudice Cahn, per spingere Bertarelli a riportare l’evento nella città spagnola.

Articoli Correlati
YARPP
Università di Cagliari, seminario sulla progettazione aerodinamica delle vele

Università di Cagliari, seminario sulla progettazione aerodinamica delle vele

Domani 22 novembre si terrà presso l’aula magna nella Facoltà di Ingegneria un seminario ove il CRS4, la Veleria Mura e il dipartimento di Ingegneria meccanica dell’Università di Cagliari, presentano […]

Al festival Filmmaker di Milano “Il senso del vento”, un documentario di Homerus sulla vela per non vedenti
Jacques Vabre, Telecom Italia allunga ancora

Jacques Vabre, Telecom Italia allunga ancora

Il 40 piedi Telecom Italia, con la coppia di navigatori Giovanni Soldini e Pietro D’Alì, allunga ancora sulla muta degli inseguitori. In testa sin dal primo giorno di navigazione alla […]

Jacques Vabre, Soldini e D’Alì ancora saldamente in testa
Jacques Vabre, Telecom Italia ancora al comando

Jacques Vabre, Telecom Italia ancora al comando

Ancora primi. Giovanni Soldini e Pietro D’Alì continuano a condurre, tra i Class 40, la Transat Jacques Vabre. I principali inseguitori di “Telecom Italia” sono adesso Alex Bennet e Ifor […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento